Lavori Pubblici

Expo 2015, dopo Destinazione Italia ancora da assegnare gare per oltre 160 milioni

Massimiliano Carbonaro

Si stringono i tempi per maggio 2015 quando prenderà via l'Expo a Milano e mentre dal Governo arriva un segnale di pieno sostegno destinando 141 milioni con il decreto Destinazione Italia per una serie di infrastrutture immediatamente cantierabili legate alla manifestazione internazionale, sul fronte del sito espositivo è stata aggiudicata all'ati Italiana Costruzioni con Consorzio Veneto Cooperativo per un importo di 25 milioni di euro la realizzazione del Padiglione Italia e infine sono cominciate le prime assegnazione dei lotti ai paesi partecipanti.
Destinazione Italia guarda all'Expo rimettendo in gioco 141 milioni, dopo che 165 milioni precedentemente assegnati sono rimasti fino ad adesso inutilizzati. Questa nuova tornata di risorse sono rivolte ad opere cantierabili: nel dettaglio riguardano 53,2 milioni per la realizzazione del parcheggio remoto presso Cascina Merlata (25,5 milioni), il collegamento tra le statali 11 e 233 (19,2 milioni), e per opere di accoglienza al sito espositivo (8,5 milioni); a queste infrastrutture si aggiungono altri 45 milioni per l'accessibilità ferroviaria su Malpensa con il collegamento tra il terminal 1 e il 2; e altri 42,8 milioni per la M4, la metropolitana di Milano che deve garantire le prime due stazioni dall'aeroporto di Linate.

Poi c'è il sito espositivo in senso stretto, dove sono in corso i lavori per la realizzazione della piastra su cui si articoleranno tutti gli interventi, primo fra tutti quello di Palazzo Italia la cui realizzazione è stata aggiudicata per 25,2 milioni di euro all'ati Italiana Costruzioni con Consorzio Veneto Cooperativo. Ma l'area dell'Expo non è solo questo, visto che sono stati consegnati i primi 26 lotti ai paesi partecipanti all'Esposizione Universale che insisteranno sulla piastra i cui lavori di realizzazione sono ampiamente in corso. La realizzazione della Piastra (l'appalto più cospicuo per il sito aggiudicato per 149 milioni di euro) comprende anche importanti interventi come lo smantellamento della stazione elettrica Triulza (da 8 milioni di euro) e la realizzazione della sottostazione elettrica che è già stata completata ed è in funzione da fine agosto. Tra le gare invece ancora da assegnare - ma già in corso - c'è quella per la realizzazione delle strade di perimetro all'area che creeranno una nuova viabilità di servizio: si tratta di un appalto da circa 80 milioni di euro. Devono essere ancora aggiudicate le tre gare la realizzazione dei cluster alimentari per complessivi 49 milioni di euro e non bisogna dimenticare il significativo Expo Centre e il Padiglione Zero, appalto da 32 milioni di euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA