Lavori Pubblici

Gavio-Intesa verso il controllo di Tem, poi fusione con Brebemi

Il Gruppo Gavio e Intesa Sanpaolo sono pronti a sottoscrivere l'aumento di capitale da 96,1
milioni di Tem (Tangenziali Esterne di Milano) per controllare a cascata la società operativa Te (Tangenziale esterna). L'obiettivo dell'operazione è il controllo del 59,1% di Tem e la fusione di quest'ultima con Autostrade Lombarde, controllata al 13,4% da Gavio e al 42,5% da Intesa, titolare del 79% di Brebemi.

Il Gruppo Gavio investirà tramite Sias 159,7 milioni, portando gli investimenti complessivi del gruppo nell'area milanese, in vista dell'Expo, a 300 milioni.

L'accordo di investimento tra Sias (Gruppo Gavio) e Intesa riguarda la sottoscrizione dell'aumento di capitale che l'assemblea di Tem approverà oggi, per un totale di 96,1 milioni, di cui 45,6 milioni a carico di Satap (Sias), 17,7 milioni a carico della stessa Sias e 32,8 milioni a carico della Banca. A seguito dell'operazione, Sias e Intesa controlleranno complessivamente il 59,1% di Tem (40% Sias, 1,7% la collegata Itinera e 17,5% Intesa).
L'accordo prevede inoltre la sottoscrizione di un aumento di capitale di Te, la società operativa controllata da Tem per la realizzazione della Tangenziale Esterna di Milano e titolare
della futura concessione, con un esborso di 34,6 milioni a carico di Sias e di 3,4 milioni a carico di Intesa. I due soggetti, poi, si impegnano ad assicurare rispettivamente per 41,6 e per 14,8 milioni la sottoscrizione del 'finanziamento soci subordinatò di complessivi 115 milioni previsto dal piano
finanziario dell'opera.
L'accordo si completa con il patto parasociale tra Sias-Intesa per il controllo congiunto di Tem, Te e Brebemi, che prevede la possibilità per il Gruppo Gavio di nominare il 50% dei membri del Cda di Tem e Te e la fusione delle holding Tem e Autostrade Lombarde, con la successiva quotazione in Borsa della società post-fusione.

Gli accordi prevedono anche la cessione ad Itinera, collegata al Gruppo Gavio, delle quote controllate da Impregilo (Gruppo Salini) in Tem e Te per complessivi 43,8 milioni. L'importo
previsto per Tem è pari a 4,7 milioni e comprende il sovrapprezzo di 1,3 milioni a suo tempo corrisposto da Impregilo, mentre la quota da pagare per Te è di 39,1 milioni, di cui 17,4 milioni , oltre agli interessi, da corrispondere entro il 31 ottobre 2016.
L'operazione comporta anche il subentro di Itinera nei lavori per la costruzione del tratto
autostradale che sarà gestito da Tem, tramite l'acquisto della artecipazione di Impregilo in Lambro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA