Lavori Pubblici

Metro C Spa: «Cantieri chiusi se entro fine mese non veniamo pagati»

Se entro il 31 ottobre non arriveranno i soldi, i cantieri della metro c di Roma chiuderanno un'altra volta. E' quello che il Consorzio Metro C (guidato da Astaldi) ha scritto nella lettera inviata oggi a Roma Metropolitane, al Ministero delle Infrastrutture, al sindaco Ignazio Marino, alla Regione Lazio, al commissario straordinario per le metropolitane di Roma e a Roma Capitale, nella persona dell'assessore alla mobilità, Guido Improta.

A quanto apprende l'agenzia dire, nella lettera Metro C ripercorre le tappe della vicenda che ha portato, dopo il blocco dei cantieri dello scorso agosto per le stesse motivazioni, a siglare l'atto sottoscritto a settembre tra le parti che sanciva i sistemi di pagamento per i lavori. Il consorzio dunque nella missiva «intima a codesta spettabile Roma Metropolitane di procedere al pagamento di quanto avrebbe dovuto versare alla data del 13 ottobre 2013 entro e non oltre il 31 ottobre prossimo venturo».

Poi, rivolgendosi a Roma Metropolitane srl e a Roma Capitale «nella persona del sindaco, nonché agli altri enti in indirizzo», la lettera spiega che «in caso di mancato pagamento delle intere somme dovute a tale ulteriore termine Metro C si vedrà costretta ad assumere le inevitabili iniziative di fermo attività».


© RIPRODUZIONE RISERVATA