Lavori Pubblici

A Bologna l'8 novembre il convegno Hilti «Sesmic Academy»

L'Italia è uno dei Paesi del Mediterraneo con un maggior rischio sismico. Gli episodi sismici degli ultimi anni hanno reso questo tema estremamente rilevante e di assoluta importanza. E' necessario, quindi, approfondire gli studi e progettare elementi strutturali e non strutturali in zone sismiche che possano risolvere le problematiche derivanti da un fenomeno naturale da sempre "vicino" al nostro Paese.
Un tema, quindi, di forte attualità che obbliga progettisti e operatori del settore edilizia e gli enti istituzionali a cooperare e a studiare importanti novità e normative, affinché si possano diminuire i rischi di crolli e cedimenti nelle abitazioni e nelle strutture pubbliche per evitare situazioni ancor più tragiche.

Hilti Italia, con sede a Sesto San Giovanni alle porte di Milano, e parte della multinazionale Hilti, promuove ed organizza a Bologna, presso lo Sheraton Hotel l'8 novembre prossimo, il Convegno Nazionale "Seismic Academy" che rappresenterà fondamentalmente un momento di incontro e di confronto per dibattere sullo stato della ricerca, approfondire i recenti cambiamenti normativi e condividere le soluzione innovative.
La presenza e l'intervento di relatori nazionali ed internazionali quali Tara Hutchinson, Marco Savoia, Stefano Grimaz, docenti presso le Università della California-San Diego, di Bologna e di Udine e Roberto Nascimbene, ricercatore di Eucentre – Centro Europeo di Formazione e Ricerca in Ingegneria Sismica, e l'attenzione di un'azienda leader quale Hilti, conferiranno al convegno maggior autorevolezza, affinché questo incontro possa diventare il punto di svolta per il nostro Paese.
I temi che verranno affrontati durante il convegno saranno prevenzione, rischio sismico in Italia, corretto approccio al design di componenti strutturali e non strutturali e le recenti nuove regolamentazioni europee.


© RIPRODUZIONE RISERVATA