Lavori Pubblici

La Sat investirà 19 milioni per l'aeroporto di Pisa

La Sat, Società Aeroporto Toscano Galileo Galilei S.p.A., che gestisce l'aeroporto di Pisa ha annunciato oggi nel corso di una conferenza stampa l'avvio della fase esecutiva dell'investimento da 19 milioni di euro per l'adeguamento e il potenziamento delle infrastrutture di volo (piste e raccordi) dell'aeroporto di Pisa e per la mitigazione dell'impatto acustico sulla città di Pisa. L'investimento verrà realizzato da Sat in totale autofinanziamento. È quanto si legge in una nota di Sat.

I lavori, si legge nella nota di Sat, che saranno ultimati entro maggio 2015, prevedono la realizzazione di un nuovo raccordo tra la pista principale e quella secondaria, la riqualificazione della pavimentazione della pista principale nonché l'adeguamento della portanza delle superfici di sicurezza (Strip e R.E.S.A.).Il piano degli interventi comprende anche l'adeguamento impiantistico e delle luci pista (Avl) che consentiranno il miglioramento dell'operatività dello scalo in condizioni di bassa visibilità e il passaggio della categoria operativa della pista principale da CAT I a CAT II-III.

Con la realizzazione del nuovo raccordo posto all'estremità sud delle piste di volo, si otterrà un anticipo della corsa al decollo di circa 325 metri rispetto alla configurazione attuale. Questo specifico intervento, combinato alla nuova procedura di contenimento del rumore già operativa dallo scorso 1° aprile, produrrà un'ulteriore riduzione dell'impatto acustico sulla città di Pisa, comportando l'arretramento dell'isofona dei 60 decibel entro il tracciato della superstrada FI-PI-LI, anche a fronte di crescenti volumi di traffico. L'intervento di riqualificazione della pavimentazione della pista principale, necessario a causa della fine del ciclo di vita dell'attuale corpo pista, interesserà la parte superficiale della stessa.

Relativamente agli interventi sulle superfici di sicurezza, l'investimento prevede l'adeguamento delle nuove R.E.S.A. (Runway End Safety Area) , ovvero quelle superfici poste alle estremità della pista principale, soprattutto intese a ridurre il rischio in caso di atterraggi troppo corti o uscite di pista in fase di decollo o di atterraggio, e la riqualifica delle cosiddette «Strip», le aree cioè che hanno prevalentemente lo scopo di garantire l'arresto dei velivoli in caso di uscita laterale. La realizzazione dei lavori é prevista nel periodo compreso tra giugno 2014 e marzo 2015, mentre i due mesi successivi, fino a maggio 2015, serviranno a rimuovere completamente il cantiere. Gli interventi non condizioneranno comunque la continuità operativa dell'aeroporto che sarà garantita anche grazie all'utilizzo della pista di volo secondaria. Tale utilizzo é programmato nei periodi di minor traffico in modo tale da minimizzare l'impatto sia in termini operativi che ambientali.

Come già accaduto per la fase progettuale, la fase esecutiva delle opere sarà condotta da Sat S.p.A. in stretto coordinamento con l'Aeronautica Militare ed in particolare con la 46/ma Brigata aerea dislocata presso l'aeroporto di Pisa.

«Per poter crescere ancora - ha spiegato Gina Giani, amministratore delegato e direttore generale di Sat - l'aeroporto di Pisa ha bisogno di infrastrutture adeguate e di un rapporto con il territorio ambientalmente sostenibile. Il piano di interventi sulle piste, che verrà realizzato dalla Società in totale autofinanziamento, e le nuove procedure per la mitigazione dell'impatto acustico sulla città ci permetteranno di potenziare il Galilei nel rispetto dell'abitato circostante e dell'intera città di Pisa. Il nostro obiettivo é favorire lo sviluppo dell'aeroporto, quale porta di accesso alla Toscana, anche attraverso infrastrutture di volo e piste tecnologicamente all'avanguardia. Ciò significa puntare alla crescita del traffico con un occhio di riguardo all'impatto sul territorio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA