Lavori Pubblici

Dal Cipe fondi per il Mose (973 milioni) e metrò 4 di Milano

Alla linea 4 del capoluogo lombardo assegnati 172,2 milioni. Pisapia: buona notizia, così si fa sviluppo

Finanziamenti per il Mose e per la Metro M4 di Milano. Il Cipe, con l'obiettivo di accelerare la realizzazione di un'opera utile per l'Expo 2015, ha approvato il progetto definitivo della «Linea M4 della Metropolitana di Milano – prima tratta funzionale Lorenteggio-Sforza Policlinico» e le varianti al progetto definitivo della «seconda tratta funzionale Sforza Policlinico-Linate» della stessa linea. Ha anche assegnato in via definitiva alla linea metropolitana M4 di Milano 172,2 milioni di euro.

Il Cipe ha anche assegnato circa 973 milioni di euro derivanti dalla legge di stabilità per il 2013 per la prosecuzione del «Sistema Mose» per la salvaguardia della laguna e della città di Venezia, e ha preso atto della stipula del 43° Atto Attuativo della Convenzione Generale del 1991 tra il Magistrato alle Acque di Venezia e il Consorzio Venezia Nuova.

Infine, il ministro delle Infrastrutture e dei aTrasporti Maurizio Lupi ha informato il Cipe, secondo quanto spiega il Mit, che la Regione Campania e il Comune di Napoli hanno siglato lo schema di accordo di programma quadro per la metropolitana di Napoli Linea 1. La firma di questo accordo era la condizione posta dal Cipe per garantire le risorse previste dal Decreto del fare.

«Con queste decisioni - dichiara il ministro Lupi- si conferma l'attenzione prioritaria di questo governo e del mio dicastero per le aree urbane siano esse al Nord o al Sud. Dotarle di nuove infrastrutture migliora la vita di chi vive e lavora nelle grandi citta».

L'approvazione da parte del Cipe del progetto della M4 «è una buona notizia, un passaggio fondamentale in vista della realizzazione della nuova metropolitana milanese. Un segnale positivo di ripresa». Lo ha detto in una nota il sindaco di Milano Giuliano Pisapia commentando l'approvazione del progetto e il relativo finanziamento di 172 milioni di euro. «Questa opera - ha aggiunto - insieme a tante altre, dimostra la volontà della città di progettare il futuro e di contribuire a fare uscire dalla crisi non solo Milano ma l'intero Paese».


© RIPRODUZIONE RISERVATA