Lavori Pubblici

Il Cipe assegna i fondi del Dl Fare: 400 milioni per metropolitane di Milano e Napoli e opere stradali

Alessia Tripodi

Oltre 172 milioni per la M4 meneghina e 113 milioni per la linea 1 della metro campana. Risorse per la Società ferrovie della Calabria

Infrastrutture, sbloccati 400 milioni di euro per le metropolitane di Milano e Napoli e per opere stradali. Nella seduta odierna (scarica il comunicato ) il Cipe ha assegnato un pacchetto di risorse in attuazione del decreto Fare (il Dl 69/2013) e di interventi realizzati nell'ambito del Programma per le infrastrutture strategiche (Legge n. 443/2001) e del Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc).

In applicazione del Dl Fare è stata approvata l'assegnazione, con prescrizioni, di 55 milioni per la strada provinciale 46 Rho-Monza (lotto 2, variante di attraversamento in sotterranea della linea ferroviaria Milano-Saronno) e di 60 milioni per le infrastrutture stradali del Quadrilatero Marche – Umbria (strada statale 77 Foligno – Pontelatrave maxilotto 1). Ancora in attuazione del decreto è arrivato l'ok alle assegnazioni programmatiche di 172,2 milioni per la linea metropolitana M4 di Milano e di 113,1 milioni per il completamento del 1° stralcio funzionale della tratta Centro direzionale-Capodichino della Linea 1 della metropolitana di Napoli.
Un pacchetto, questo, che rappresenta la seconda tranche del fondo "sblocca cantieri" previsto dal Dl 69: la prima parte è stata sbloccata meno di un mese fa dal Dm Infrastrutture-Economia con il quale i ministri Maurizio Lupi e Fabrizio Saccomanni hanno distribuito 1.478 milioni per opere infrastrutturali grandi e piccole immediatamente cantierabili, o per accelerare cantieri già in corso (leggi l'articolo ). La ripartizione prevedeva, nel dettaglio, 361 milioni per gli interventi per la sicurezza della rete ferroviaria (Rfi), 90 milioni per colmare un extracosto del secondo lotto della superstrada Agrigento-Caltanissetta, 370 milioni al project financing dell'autostrada pedemontana Veneta, 330 milioni alla Tem di Milano, la Tangenziale esterna (altro project financing) e, infine, 27 milioni per il potenziamento della ferrovia Torino-Aosta.

Nell'ambito del Programma delle infrastrutture strategiche, poi, il Comitato ha dato l'ok al progetto definitivo del potenziamento della strada provinciale 103 Antica di Cassano 1° lotto, 2° stralcio ("Viabilità di accesso al centro intermodale di Segrate") e ha inoltre approvato l'utilizzo di 5 milioni di euro per l'accordo di programma quadro relativo ad interventi infrastrutturali a Piombino che serviranno alla realizzazione della bretella di collegamento con il porto.
Arrivato anche il via libera alla riprogrammazione di risorse pari a 77 milioni di euro, assegnate alla Regione Calabria nell'ambito del Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc) con la delibera Cipe n. 62/2011, per assicurare copertura finanziaria alle esigenze finanziarie della Società Ferrovie della Calabria s.r.l. (65 milioni di euro) e per il completamento della diga del Menta (12 milioni di euro).

Riguardo agli interventi per il sisma de L'Aquila, infine, il Cipe ha preso atto della modifica del soggetto attuatore di due interventi da realizzare nel comune aquilano - il Complesso ex Onpi e l'Istituto Santa Maria degli Angeli (delibera Cipe n. 135/2012, allegato 2 - che viene individuato nel provveditorato alle opere pubbliche di Lazio, Abruzzo e Sardegna.In arrivo 400 milioni per metropolitane e opere stradali. Nella seduta odierna presieduta dal premier Enrico Letta il Cipe ha assegnato fondi per complessivi 400 milioni: si tratta di provvedimenti attuativi del Dl Fare e di risorse attribuite nell'ambito del Programma delle Infrastrutture strategiche, del Fondo sviluppo e coesione, del Fondo sanitario nazionale e degli interventi per gli eventi sismici del 2009 in Abruzzo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA