Lavori Pubblici

Riprogrammazione 2007-2013, priorità alle misure antirecessive

Verifica dell'andamento della spesa dei fondi europei 2007-2013 attraverso un tavolo di lavoro tecnico affiancato da un tavolo di coordinamento politico e concentrazione delle risorse del nuovo ciclo 2014-2020 su tre proposte strategiche: misure per le imprese; per il lavoro e per il sostegno alle economie locali. È quanto emerso oggi durante l'incontro del ministro per la coesione territoriale, Carlo Trigilia, con la conferenza delle regioni e delle province autonome.

«In questa situazione critica- ha affermato il ministro Trigilia- chiedo alle amministrazioni regionali, a nome del governo, di riconsiderare le scelte già compiute qualora esse siano libere da impegni giuridicamente vincolanti, per contribuire con interventi eccezionali di sostegno all'economia e al lavoro a fronte di una crisi di portata eccezionale».
Per questo è stata proposta una rimodulazione in chiave antirecessiva dei fondi 2007-2013 non ancora spesi, orientandoli in particolare sull'occupazione giovanile, le imprese e le economie locali. Anche in vista della nuova programmazione 2014-2020 il ministro propone l'istituzione di un tavolo tecnico nazionale. «Nazionale non vuol dire centrale- ha precisato il ministro- ma
che sia comprensivo di autorità regionali e locali e che contenga delle innovazioni anche dal punto di vista della governance. Abbiamo concordato con le amministrazioni regionali e locali che entro il 30 settembre 2013 sia inviato a bruxelles il documento con le indicazioni sugli obiettivi da perseguire con i fondi europei relativi al ciclo 2014/2020».


© RIPRODUZIONE RISERVATA