Lavori Pubblici

Brebemi avanti tutta: arriva la prima tranche da Bei e Cdp, fine lavori ad aprile 2014

Massimiliano Carbonaro

Lo ha annunciato il presidente Francesco Bettoni - Strada in discesa dopo il closing di fine marzo (in cui Bei e Cdp hanno "sostituito" le banche private)

Dal closing finanziario alla prima erogazione di risorse per 753, 2 milioni di euro di cui 600 milioni da parte della Banca europea, Brebemi a lunghi passi si avvicina al fatidico aprile del 2014 quando i lavori saranno conclusi.
Il 25 marzo scorso per l'autostrada che collegherà Brescia con Milano attraversando la provincia di Bergamo è stato il momento clou con la firma del closing finanziario e la certezza dell'erogazione del finanziamento da parte di un pool di banche per complessivi 1.818 milioni di euro. Ora questo super prestito è diventato operativo con l'arrivo della prima tranche da 753 milioni da utilizzare in parte per rimborsare la successione di prestiti bridge per complessivi 546 milioni di euro alle banche Intesa Sanpaolo, Centrobanca, Unicredit e Monte Paschi, grazie al quale i cantieri hanno proceduto senza intoppi, ed in parte per far fronte al resto delle attività.

Complessivamente il finanziamento si articola su cinque linee di credito, quella amortising e quella bullet entrambe da 760 milioni a cui si affianca quella IVA da 200 milioni più infine una linea standby da 50 milioni per coprire eventuali costi di costruzione eccedenti ed infine altri 48,5 milioni messi a disposizione in concomitanza con la convenzione del secondo atto aggiuntivo. In questa fase il grosso dei fondi arriva dalla Bei, mentre il resto è giunto da Cassa Depositi e Prestiti e un pool di banche composto da Intesa Sanpaolo, Unicredit, Centrobanca adesso UBI, Mps Capital Services, Credito Bergamasco e con la presenza, in qualità di garante, di Sace. In realtà i principali finanziatori di Brebemi sono proprio la Bei e CdP che sostengono il maggiore impegno perché gli altri istituti si sono concentrati sull'Iva, Stadby e il performance bond relativo al secondo atto aggiuntivo per poco meno di 300 milioni di euro. Il presidente di Brebemi, Francesco Bettoni ha sottolineato che da parte della Bei si è trattato di un'erogazione da record con l'importo più alto in Europa negli ultimi 15 mesi. La situazione finanziaria a questo punto garantisce il proseguimento dei lavori oramai giunti al 70% nel rispetto dei tempi: entro cioè la primavera del prossimo anno la nuova autostrada dovrebbe essere operativa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA