Lavori Pubblici

Anci al Ministro Carrozza: «Scuola, priorità all'edilizia»

Edilizia scolastica, scuole dell'infanzia, sezioni primavera, mense scolastiche e Istituti superiori di studi musicali. Questi i temi su cui si è incentrato l'incontro di ieri sera tra una delegazione dell'Associazione dei Comuni italiani (Anci), guidata dal presidente facente funzioni Alessandro Cattaneo e il ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza. Ad accompagnare il presidente Cattaneo la delegata dell'Associazione alla scuola, Daniela Ruffino e il segretario generale, Veronica Nicotra.

«L'emergenza dell'edilizia scolastica è un problema serio e reale - ha sottolineato Cattaneo nel corso dell'incontro - il cui aspetto piu' importante è quello legato alla sicurezza strutturale. Parliamo infatti di un patrimonio immobiliare di circa 40mila edifici, il 44% dei quali costruiti tra il 1961 e il 1980 (il 4% addirittura prima del 1900), che necessitano di interventi urgenti di messa in
sicurezza, oltre agli adeguamenti necessari per stare al passo con la nuova didattica incentrata sull'innovazione tecnologica o l'efficientamento energetico».

Per questo il presidente dell'Anci ha ribadito a Carrozza la necessita' di un «piano condiviso con gli enti locali, sia per la messa in sicurezza che per la costruzione di nuovi edifici scolastici,con la certezza di risorse adeguate e stabili nel tempo che consentano una programmazione territoriale. Risorse - ha sottolineato Cattaneo - di cui Comuni e Province siano i destinatari diretti al fine di
consentirne un piu' rapido impiego».
«Senza dimenticare poi - ha concluso Cattaneo - la richiesta che l'Anci rinnova da lungo tempo di escludere le spese di edilizia scolastica dal patto di stabilità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA