Lavori Pubblici

Zanonato: La soglia del credito d'imposta delle grandi opere passa da 500 a 50 milioni

Il governo punta a ridurre la soglia della defiscalizzazione delle grandi opere infrastrutturali da 500 a 50 milioni. Lo ha annunciato il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, intervenendo all'assemblea di Confindustria spiegando che l'estensione della misura di defiscalizzazione sulle infrastrutture è uno degli interventi «su cui possiamo produrre risultati fin da subito, con la collaborazione di tutto il Parlamento».

«Un'altra misura di importante stimolo alla domanda, recentemente introdotta nel nostro ordinamento - ha spiegato Zanonato - è la defiscalizzazione delle grandi opere infrastrutturali. Vogliamo rafforzarla. Oggi questa misura si applica agli investimenti superiori ai 500 milioni di
euro. Interessa quindi pochissime opere (non arriveranno a 10). Con i ministri Lupi e Saccomanni vogliamo ridurre la soglia dimensionale, portandola a 50 milioni. Questo si può fare senza alcun aggravio sui conti pubblici, consentendo di allargare in modo sensibile la platea delle opere potenzialmente beneficiate».


© RIPRODUZIONE RISERVATA