appalti pubblici

Inchiesta Axsoa, l'Authority: «Cessioni di ramo d'azienda punto critico della qualificazione»

Accedi a My

I finanzieri del nucleo speciale tutela dei mercati hanno perquisito oggi gli uffici dell'Autorità di vigilanza dei contratti pubblici nell'ambito di un'inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica tempo fa su un giro di irregolari attestati prodotti dalla stessa Axsoa necessari per partecipare a gare di pubblici appalti.

A quanto si apprende, i finanzieri hanno anche perquisito le abitazioni e i luoghi di lavoro di due ex dirigenti dell'Authority di Via Ripetta.

L'indagine svolta dal procuratore aggiunto Nello Rossi e dal pubblico ministero Giancarlo Cirielli ha portato il 18 aprile scorso all'esecuzione di 9 ordinanze di custodia cautelare che hanno determinato provvedimenti a carico dei responsabili della Axsoa alla quale si contesta di aver esercitato illecitamente la funzione di certificazione dei requisiti necessari alle imprese per partecipare ai concorsi di appalto. L'accusa di cui sono chiamate a rispondere le persone coinvolte sono l'associazione per delinquere, la corruzione, il falso in atti pubblici».

Tra le persone arrestate il titolare Mario Calcagni, marito dell'attrice di programmi televisiva Raffaella Bergé, che a sua volta era finita agli arresti domiciliari e che nei giorni scorsi ha ottenuto la libertà con l'obbligo periodico di firma del registro dei sorvegliati. Le perquisizioni disposte oggi e affidate al nucleo della Finanza sono state disposte sulla base di quanto dichiarato da un imprenditore calabrese, Luigi Napoli, che ha denunciato rapporti privilegiati tra Calcagni ed esponenti dell'Autorità di vigilanza.

L'Authority di via Ripetta ha tenuto a precisare che «già nella relazione annuale al Parlamento nel 2008 (l'Atorità di vigilanza, ndr) aveva evidenziato che: "Le cessioni di ramo d'azienda continuano a costituire un punto critico del sistema di qualificazione. Molto spesso il meccanismo consente la rigenerazione dei requisiti posseduti da imprese che, per esaurimento del ciclo di attività, per motivi fiscali, amministrativi o penali, risultano oramai fuori dal mercato, con la conseguenza della nascita di imprese prive di know-how aziendale, definibili quali "scatole vuote", che acquisiscono unicamente il diritto ad utilizzare certificati di esecuzione lavori"».

«Solo dal 2011 - prosegue la nota dell'Autorità di vigilanza sugli appalti - vige la norma che impone la previa perizia giurata sui trasferimenti aziendali, ma l'AVCP, dopo aver imposto alle SOA - con il comunicato n. 78 del 5 febbraio 2013 - l'obbligo di inviare le perizie giurate, ha riscontrato che anche questo strumento è inidoneo a prevenire il fenomeno delle cessione fittizie. È in preparazione una segnalazione a Governo e Parlamento per contenere le operazioni di trasferimento aziendale con apposita disposizione normativa».

Commenta la notizia

Dossier on line

SPECIALE CLASSIFICHE
Le prime 50 imprese italiane di edilizia


Fatturato in leggera crescita (+5%) e redditività in forte aumento (Ebitda +28%, Ebit +35%, utile netto sette volte rispetto all'anno precedente). I bilanci 2013 delle prime 50 imprese italiane di costruzioni (top 45 imprese generali e Top 5 specialistiche) rivelano una situazione complessivamente positiva,a ma dietro il dato aggregato si nascondono situazioni profondamente diverse.
Nel Dossier Classifiche, a cusa di Aldo Norsa e lo studio Guamari, i dati di bilancio e le schede di analisi, impresa per impresa. Allegato al settimanale e scaricabile online per gli abbonati, acquistabile separatamente per tutti.

Vedi tutti i Dossier Acquista il Dossier Accesso Abbonati

Altri dossier

Mappa Infrastrutture Italia

Decreto Fare 2013, l'attuazione opera per opera con le scadenze-tagliola

Piani Anas e Rfi tutti appaltati, disinceppati i piani finanziari con accelerata ai cantieri per Tem e Pedemontana Veneta - Su 2.819 milioni stanziati, sono circa 667 quelli al ralenti rispetto alle attese

Bandi

Parte il cantiere Tecnis da 116 milioni per il nuovo ospedale di Palmi

Ansaldo Sts vince per 12,4 milioni l'apparato centrale a calcolatore nel nuovo Imc di Torino smistamento di Trenitalia