Lavori Pubblici

«Dopo Genova necessaria la messa in sicurezza dei porti»

«Se in Europa le infrastrutture portuali crescono al crescere delle dimensioni delle navi che vi
transitano, in Italia si resta statici ed i nostri porti rischiano di diventare sempre più piccoli, e
quindi pericolosi, al crescere delle stazze che li scalano». Lo ha dichiarato il Presidente di Assologistica, Carlo Mearelli, che a seguito della tragedia del porto di Genova ha espresso, unitamente al profondo cordoglio, forti preoccupazioni.
«Questa tragedia dimostra anche che, sebbene le manovre in entrata e in uscita delle navi dalle
nostre banchine possano essere assistite correttamente dai servizi dedicati a questo, l'imprevisto
che può tramutarsi in dramma è sempre dietro l'angolo. Diventa, quindi, doveroso interrogarsi sul
perché sia stata eretta sul mare, a breve distanza dalla poppa delle navi in manovra, la costruzione che ospitava piloti e Capitaneria, in totale assenza di sicurezza» conclude il Presidente di Assologistica.
Assologistica chiede al Ministro Lupi che a questo tragico accadimento faccia seguire provvedimenti che affrontino lo sviluppo del nostro sistema portuale in termini di effettiva
agibilità dei porti e di sostanziale adeguamento infrastrutturale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA