Lavori Pubblici

Autostrade, firmati i decreti per gli adeguamenti tariffari delle ultime 7 società

Sono stati firmati dal Ministro delle Infrastrutture e dal Ministro dell'Economia i decreti interministeriali che prevedono gli adeguamenti dei pedaggi autostradali relativi alle tratte autostradali gestite dalle società concessionarie Brescia-Verona-Vicenza-Padova, SATAP A4 e SATAP A21, Autostrade per l'Italia, ATIVA e Milano – Serravalle e SAT, adeguamenti che erano stati sospesi, in tutto o in parte, con i decreti firmati lo scorso 31 dicembre.
Si ricorda che le sospensioni tariffarie previste erano state disposte in via cautelativa, essendo scaduto il primo periodo regolatorio ed in corso la procedura di aggiornamento dei relativi piani economico – finanziari, al fine di consentire agli organi preposti la puntuale verifica dei parametri che compongono la formula della tariffa di pedaggio, con particolare riferimento a quelli legati all'effettivo andamento degli investimenti previsti.
Tali verifiche hanno comportato la necessità di apportare alcune integrazioni al quadro regolatorio vigente attraverso un intervento del CIPE sulla base di un parere emesso dall'organismo tecnico competente in materia di regolazione tariffaria, il NARS.
All'esito positivo di tali approfondimenti sono stati quindi autorizzati gli incrementi, i quali - afferma il Vice Ministro per le Infrastrutture e i Trasporti Mario Ciaccia - «sono necessari ad assicurare l'attuazione degli investimenti posti a carico di ciascuna società concessionaria ed a garantire il mantenimento della rete autostradale in condizioni di efficienza e di sicurezza per gli utenti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA