Lavori Pubblici

Istat: cantieri in crisi anche nel 2013, a gennaio produzione -12% su base annua

Mauro Salerno

Considerando la media dell'ultimo trimestre disponibile la flessione resta marcata: -6,3 per cento

Parte con il piede sbagliato anche nel 2013 l'attività nei cantieri. Secondo l'Istituto nazionale di statistica la produzione nel settore delle costruzioni a gennaio ha fatto registrare un calo dell'1,4 per cento rispetto all'ultimo mese del 2012. L'indice considerato, chiarisce l'istat, è quello destagionalizzato.

La flessione risulta ancora più marcata allargando lo sguardo alla media del trimestre compreso tra novembre 2012 e gennaio 2013. Rispetto al trimestre precedente (cioè agosto-ottobre 2012), il dato destagionalizzato ha fatto registrare un calo della produzione pari al 6,3 per cento. Non solo.

Tornando al mese di gennaio l'istat ha calcolato anche l'andamento tendenziale dell'indice corretto per gli effetti di calendario e dell'indice grezzo. Il primo segnala una riduzione delle attività pari al 12% (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di gennaio 2012, segnala l'istat). Il secondo fa segnare un crollo del 9 per cento su base annua.

La crisi delle costruzioni emerge poi in tutta la sua evidenza se si considera che le analisi dell'Istat sono condotte su un indice di riferimento con base 2010 uguale a 100. Partendo da questa soglia a gennaio 2013 l'indice destagionalizzato è sceso a quota 76,4, l'indice corretto per effetti di calendario a quota 63,6, l'indice grezzo a 66,1.

CLICCA QUI PER SCARICARE TUTTI I DATI ISTAT


© RIPRODUZIONE RISERVATA