Lavori Pubblici

Autostrada Orte-Mestre verso l'ok del Cipe: sconti fiscali per 1,5 miliardi di euro

Alessandro Arona

Opera da 8,7 miliardi in project financing. Trovata l'intesa tecnica Infrastrutture-Economia: defiscalizzazione solo dopo il closing bancario

Dopo mesi di annunci e di tira e molla tra Ministero delle Infrastrutture e dell'Economia, è pronta la delibera di approvazione del progetto preliminare dell'autostrada Orte-Mestre in project financing, con il riconoscimento al futuro concessionario privato di sconti fiscali (Ires, Irap e Iva) - ai sensi dell'articolo 18 della legge 183/2011 - pari a 1,5 miliardi di euro.

L'ok alla Orte-Mestre, maxi-opera da 8,7 miliardi di euro di cui si parla da dieci anni, è previsto nella seduta Cipe di lunedì prossimo, 18 marzo: la convocazione sarà diramata domani, mentre venerdì 15 è previsto il pre-Cipe (esame tecnico preliminare).
Le perplessità del Ministero dell'Economia erano legate al rischio di assegnare ai concessionari eccessive certezze, diritti acquisiti, circa gli sconti fiscali, anche in caso di future difficoltà finanziarie o operative che rallentassero la realizzazione dell'infrastruttura. Rischi elevati, data la mole dell'opera, e dei relativi sconti fiscali.
Una soluzione tecnica raggiunta nei giorni scorsi ha tuttavia permesso di trovare l'intesa, e di portare così' l'opera al Cipe.

La delibera del 18 marzo, in sostanza, dovrebbe: 1) approvare il progetto preliminare dell'opera; 2) autorizzare il ministero delle Infrastrutture (subentrato il 1° ottobre all'Anas nella gestione delle concessioni autostradali) a lanciare la gara in project financing "fase 2", sulla base del progetto del promotore (il Gruppo di Vito Bonsignore, Banca Carige, Egis project); 3) subordinare l'effettiva concessione degli sconti fiscali al fatto che il futuro concessionario, vincente nella gara, riesca a ottenere il finanziamento bancario (il cosiddetto "closing") entro 12 mesi dalla firma della convenzione.

Una condizione simile, ma ancora più rigida, a quella prevista in via generale nelle Linee guida alla defiscalizzazione al project financing , approvate dal Cipe il 18 febbraio scorso, dove l'obbligo di firmare il closing (pena la revoca delle concessione) era fissato a 12 mesi dall'approvazione del progetto definitivo, passaggio che avviene molto dopo la firma della convenzione.
La clasuola definita per la Orte-Mestre, dunque, darebbe certezza giuridica al privato circa l'impegno dello Stato a fargli pagare meno tasse nell'arco dei 30-40 anni della concessione, per un valore che attualizzato vale 1,5 miliardi di euro, solo dopo che il privato abbia dimostrato, in tempi rapidi, di aver trovato le banche finanziatrici.

Per lo sblocco della Orte-Mestre hanno molto spinto, nei mesi scorsi, il vice-Ministro alle Infrastrutture, Mario Ciaccia, e il Ministro Corrado Passera. E lo stesso premier (uscente) Mario Monti ha annunciato «un Cipe da dieci miliardi di euro» nei giorni precedenti le elezioni, riferendosi evidentemente alla Orte-Mestre.

Non è esclusa comunque una riflessione dell'ultimo minuto, in seno al Cipe, circa l'opportunità o meno di approvare un'opera da circa 9 miliardi di euro con un Governo in carica per gli «affari correnti», a poche ore dall'incarico del presidente Napolitano per il futuro esecutivo. E circa l'opportunità di mettere in pista la terza grande opera autostradale in centro Italia sulla direttrice Nord-Sud, con la Variante di valico sulla A1 Firenze-Bologna che sarà pronta nel 2014 e l'autostrada Livorno-Civitavecchia approvata (seppur in modo parziale) dal Cipe del 3 agosto scorso; a fronte peraltro di un traffico autostradale calato del 14% negli ultimi due anni.

Clicca qui per ricostruire tutte le tappe della vicenda, dal 2001 al 2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA