Lavori Pubblici

A3 completata all'87% entro il 2013, 12 i cantieri in fase di progetto: servono 3,1 miliardi

Massimo Frontera e Mauro Salerno

Il punto sui lavori di ammodernamento dell'autostrada simbolo del ritardo infrastrutturale del Sud. Entro l'anno arriveranno al traguardo altri 91 km. Sui 65 interventi totali 53 i lotti già completati, 12 quelli ancora da finanziare

Dopo anni di annunci e di stop & go sembra quasi difficile da credere, ma i numeri dicono che il progetto di ammodernamento dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria è arrivato a una svolta. Secondo i dati forniti dall'Anas, sono stati completati e aperti al traffico 272,3 km dell'autostrada simbolo del ritardo infrastrutturale del Sud, per anni punteggiata da deviazioni e cantieri, incubo degli italiani alle prese con esodi estivi o avvio di ferie invernali trascorsi in coda causa neve sull'appennino lucano.

Il piano di ammodernamento è giunto al 61,48% del tracciato (clicca qui oppure guarda la situazione lotto per lotto ). E se si considerano anche i lavori in corso di realizzazione e quelli in appalto la percentuale sale fino all'86,75%. Si tratta in pratica di 384,32 km sui 442 totali, che alla fine dei lavori saranno peraltro ridotti a 433, per effetto dei nuovi tratti realizzati in variante.

Gli interventi in corso di esecuzione - che includono i 29 km del macrolotto 5 tra Scilla e Gioia Tauro (Rc)di cui oggi si inaugurano i primi 9 km - si sviluppano in tutto su 91,250 km. Per questi l'Anas scommette sulla possibilità di apertura al traffico entro fine anno, così come aveva peraltro annunciato in più occasioni pubbliche il ministro Corrado Passera. Ai progetti in corso si può aggiungere anche il tratto da 20,5 km affidato all'Ati Cmb-Ghella tra Laino Borgo e Campotenese sull'appennino calabrese che attraversa il parco del Pollino, finora bloccato dai ricorsi al Tar.

In tutto l'opera è suddivisa in 65 interventi, ripartiti in 12 macrolotti, spesso affidati con la formula del general contractor inaugurata con la legge obiettivo varata nel 2001 dal Governo Berlusconi, e 53 lotti affidati con le procedure standard, «inclusi - sottolinea l'Anas - 7 svincoli non previsti nell'originario piano per l'adeguamento, ma successivamente richiesti da Regioni ed enti locali». Considerando il piano complessivo, gli interventi ultimati e aperti al traffico sono 39, mentre altri 11 sono in corso di esecuzione. Un maxilotto, quello da 20,5 km da realizzare al costo di 654,37 milioni, è in attesa di sentenza del Tar, mentre altri due interventi più piccoli per l'adeguamento di un viadotto e la posa in opera di cartelloni a messaggio variabile, sono in fase di gara .

Restano altri 12 interventi, ancora in fase di progettazione. Tra questi spicca l'ammodernamento del tratto di A3 che collega Cosenza all'aeroporto di Lamezia Terme, districandosi tra viadotti e gallerie. In ballo ci sono il tratto da 11 km tra Cosenza e Rogliano per un costo stimato di 589 milioni (macrolotto 4, parte 1), il tratto tra Rogliano e il Viadotto Stulpino, poco più di 10 km con un costo stimato di 437,78 km e il tratto tra il Viadotto Stulpino e Altilia, dal costo stimato in 343 milioni per poco meno di 6 chilometri di autostrada. Si tratta, in questo caso, di interventi con progetti definitivi approvati e inviati al Cipe per il finanziamento.

Sul fronte dei fondi l'Anas precisa che le risorse finora stanziate «ammontano a 7,443 miliardi di euro, a cui si aggiungeranno i 217 milioni del Piano per il Sud, che saranno disponibili a breve. Detti stanziamenti consentono di finanziare tutti gli interventi in esecuzione e in fase di appalto».

Per il completamento del progetto mancano però ancora circa 3,1 miliardi, relativi ai 12 interventi tra progettati e in corso di progettazione. «Di questi interventi, 5 riguardano l'ammodernamento dei restanti 58,600 km di autostrada, mentre 7 si riferiscono a nuovi svincoli, richiesti dalle comunità locali inizialmente non previsti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA