Lavori Pubblici

A gennaio l'inflazione scende a 2,2%, è il valore più basso dal 2011

A gennaio l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività, al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente e del 2,2% nei confronti nei confronti di gennaio 2012, confermando le stime provvisorie. Lo ha comunicato l'Istat. Si tratta del livello più basso dal gennaio 2011.

È l'ulteriore frenata della crescita su base annua dei prezzi dei beni energetici (+5,4%, dal +9,3% di dicembre) a spiegare, in prevalenza, il rallentamento dell'inflazione a gennaio (dal +2,3% di dicembre), mentre un effetto di sostegno proviene dall'aumento dei prezzi degli alimentari non lavorati e, in particolare, dei vegetali freschi (+9,2% su base mensile, +13,1% su base annua).

L'inflazione acquisita per il 2013 è pari allo 0,8%.


© RIPRODUZIONE RISERVATA