Lavori Pubblici

Il commissario Mainardi: la Tav a nord-est è un'opera non fattibile

Un'Authority del Nordest per le infrastrutture, per gestire le (poche) risorse disponibili ma soprattutto per mettere d'accordo le ragioni della crescita con quelle di quanti difendono l'ambiente e il territorio. La proposta è di Bortolo Mainardi, il commissario per l'Alta velocità-Alta capacità nel Veneto orientale.
Tanto per dare un'idea, per realizzare la Tav fra Verona e Padova servono 12 miliardi, 7,5 per la Venezia-Trieste, mentre "in cassa", al momento attuale, non ci sono più di due miliardi. Quanto ai progetti, il tracciato originario della Tav a Est di Venezia, quello "litoraneo", per Mainardi è un esempio di «estemporaneità funambolesca» che sacrificherebbe il territorio senza evidenti utilità. E il percorso seguito nei mesi scorsi con i Comuni per il progetto alternativo, che in sostanza propone di potenziare la linea esistente posticipando il progetto del quadruplicamento della linea, ha posto le basi per un possibile dialogo con i Comuni e i cittadini. Mirato a progettare le infrastrutture con maggiore attenzione alla qualità e alle risorse esistenti.

(Franco Tanel)


© RIPRODUZIONE RISERVATA