Lavori Pubblici

Parlamento Ue: alla riqualificazione urbana almeno l'1,5% dei fondi coesione

Almeno il 5% del budget delle politiche europee di coesione, 1,5 miliardi per l'Italia, dovrà
poter essere utilizzato direttamente dai grandi comuni o dalle aree metropolitane per la riqualificazione delle aree urbane. È uno dei punti principali di un rapporto preparato
dall'eurodeputato Pd Andrea Cozzolino ed approvato oggi a stragrande maggioranza dalla plenaria a Strasburgo (473 sì, 46 no, 12 astenuti) come raccomandazione alla Commissione per il budget pluriennale 2014-2020 della Ue.
«Oggi al Parlamento europeo è stato compiuto un altro importante passo in avanti affinchè i programmi di riqualificazione e rigenerazione urbana diventino una delle priorità del prossimo ciclo di politica di coesione» ha detto il parlamentare campano, vice-capogruppo Pd.
«Il voto a larga maggioranza - ha aggiunto - costituisce una spinta politica enorme, di cui la Commissione non potrà non tener conto quando si arriverà all'approvazione definitiva del
programma di attuazione dei fondi strutturali del ciclo 2014-2020». La riqualificazione delle aree più degradate dovrebbe avere come obiettivo, ha spiegato Cozzolino, «rivalutare il patrimonio edilizio e renderlo più ecosostenibile e dar vita ad iniziative legate al social housing e all'edilizia popolare. Il tutto dovrà avvenire dentro vincoli urbanistici precisi, senza consumare più nemmeno un metro quadro di suolo agricolo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA