Lavori Pubblici

Consiglio di Stato annulla delibera Cipe su Rho-Gallarate

Il Consiglio di Stato ha bloccato il progetto definitivo per il potenziamento della tratta ferroviaria
Rho-Gallarate (401,8 milioni di euro di investimento, interamente finanziati). Lo ha riferito in una nota l'assessore regionale lombardo alle Infrastrutture Andrea Gilardoni che invita a «rinnovare e intensificare la collaborazione tra Regione Lombardia e il gruppo Fs, per individuare le soluzioni» che consentano di realizzare comunque l'opera. Il massimo organo della giustizi amministrativa ha respinto il ricorso di Regione Lombardia e Rete ferroviaria italiana contro la sentenza del Tar che aveva annullato la delibera del Cipe di approvazione del progetto definitivo della tratta ferroviaria (deliberazione 33/2012, del 13 maggio 2010, in Gazzetta il 21 febbraio 2011).
«Una soluzione va trovata - ha scritto Gilardoni -, perché il potenziamento è assolutamente necessario per garantire gli standard qualitativi e di frequenza delle linee suburbane già
attivi sulle altre direttrici e per lo spostamento del traffico pendolare da gomma a ferro. Per questo chiedo alle Ferrovie dello Stato un rinnovato impegno per la realizzazione di questa
infrastruttura, così come fa gran parte del territorio. Regione Lombardia continuerà a vigilare, affinché non si non si verifichino inerzie procedurali e si avanzi il più rapidamente possibile».
Per l'assessore la sentenza rischia, tra l'altro, di far perdere i 400 milioni di euro destinati al potenziamento della rete ferroviaria (di cui circa 110 a vantaggio dei territori interessati).


© RIPRODUZIONE RISERVATA