Lavori Pubblici

Costruzioni, scoperta a Chiavari (Ge) impresa «evasore totale»

La Compagnia della Guardia di Finanza di Chiavari, nei giorni scorsi, ha concluso una
verifica fiscale, nei confronti di una società della zona, operante nel settore delle costruzioni immobiliari, nei cui confronti é stata constatata la sottrazione a tassazione, nelle annualità dal 2005 al 2010, di redditi per un importo di oltre 2 milioni di euro e di un'Iva correlata, dovuta
all'erario, di circa 488mila euro.
È stato appurato, in particolare, che l'azienda edile in questione non aveva presentato le dichiarazioni fiscali, per gli anni dal 2007 al 2010, risultando, pertanto, per tale periodo, evasore totale, con l'occultamento al fisco di ricavi per una cifra totale di 1 milione e 900mila euro. Negli anni 2005 e 2006, invece, l'impresa aveva assolto all'obbligo delle dichiarazioni tributarie, ma aveva fraudolentemente ridotto le basi imponibili, per un valore di circa 250mila euro, mediante
l'utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti, relative a lavori edilizi mai eseguiti. L'impresa compiacente, fornitrice delle fatture fittizie, di tipo individuale, era dotata di partita Iva, ma priva di una reale struttura aziendale; la medesima si prestava a documentare «prestazioni fasulle», ricevendo, in cambio, come remunerazione, qualche centinaio di euro, per ogni fattura falsa messa a disposizione, corrispondente, normalmente, ad una percentuale minima
concordata sul valore fatturato.

(AGI) - (Chiavari) Genova, 12 dic. - L'attività ispettiva,
sviluppata nei confronti della società edile, é stata
ostacolata, almeno in parte, dall'occultamento dei registri
contabili riguardanti l'attività gestionale degli esercizi
2007 e 2008; i finanzieri verificatori, comunque, sono
riusciti, rintracciando le fatture attive e passive, presso i
clienti e fornitori dell'azienda sottoposta a controllo, ed
eseguendo approfonditi accertamenti bancari, a quantificare
l'evasione globalmente realizzata, ricostruendo con precisione
il volume d'affari e dei redditi. Alla conclusione della
verifica, i due soci della società sottoposta a controllo,
artefici della frode fiscale, sono stati denunciati alla locale
autorità giudiziaria, per frode fiscale. È stato proposto,
altresì, alla direzione regionale dell'agenzia delle entrate,
l'avvio del procedimento per l'applicazione delle misure
cautelari sul patrimonio della società e dei soci, per
garantire il pagamento delle imposte dovute e delle sanzioni
connesse alle violazioni rilevate.(AGI)
Red/Mav
120928 DIC 12
NNNN


© RIPRODUZIONE RISERVATA