Lavori Pubblici

Generale Graziano: Pronti a cedere 400 infrastrutture militari

«Il nostro programma è di cedere 400 infrastrutture militari e realizzarne 15 nuove, con una capienza di 5mila persone». Lo ha detto il capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Claudio Graziano, a margine dell'inaugurazione dell'anno accademico della Scuola Marescialli di Viterbo.


«La riforma delle Forze armate all'esame del Parlamento - ha aggiunto Graziano - è figlia dei problemi finanziari del Paese. L'Esercito, come ho detto in Commissione Difesa del Senato, è pronto a fare la sua parte, pur garantendo i livelli qualitativi necessari per espletare i compiti che ci sono assegnati, così come abbiamo fatto in passato».

Secondo il generale ci sono dei settori in cui non è possibile lesinare risorse: «Dobbiamo mantenere e rafforzare - ha detto - la sicurezza degli uomini e garantire loro un alto grado di addestramento. Quindi, i tagli che saranno operati nel tempo riguarderanno comandi e logistica».


Sulla dismissione delle infrastrutture Graziano ha detto che «le caserme nei centri delle città hanno un grande valore e possono essere cedute, come abbiamo già fatto in alcune realtà. Prima, però, vanno valorizzate. Un esempio da seguire è quello di Modena, dove abbiamo ceduto una nostra struttura ottenendo in cambio dalla Regione Emilia Romagna l'adeguamento dell'Accademia militare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA