Lavori Pubblici

Ance e Oice contro il pagamento della pubblicità dei bandi di gara

Assurdo addossare a imprese e progettisti i costi della pubblicità dei bandi di gara. Lo dicono in un comunicato l'Ance (costruttori) e Oice (società di ingegneria).

«Non possiamo accettare che passi in silenzio questa pesante stangata sul settore già messo in ginocchio da una gravissima crisi», hanno detto il presidente dell'Associazione nazionale costruttori edili, Paolo Buzzetti, e il presidente dell'Oice (Associazione delle società di ingegneria e architettura), Luigi Iperti, commentando l'inserimento nel Dl crescita, approvato al Senato, una misura che obbliga gli aggiudicatari dei contratti a rimborsare alle stazioni appaltanti, entro 60 giorni, i costi della pubblicità del bando di gara sui quotidiani.

"È una misura iniqua per tutto il settore delle costruzioni - continuano i presidenti di Ance e Oice - e tanto più incredibile perché è stata inserita in un provvedimento che dovrebbe invece ridare fiato all'economia e aiutare la ripresa». Costruttori e progettisti chiedono per questo una rapida marcia indietro al Governo, affinchè elimini questo ulteriore e ingiusto onere a carico degli operatori del settore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA