Lavori Pubblici

Rinnovato il contratto dell'industria metalmeccanica e dell'installazione impianti


«Nell'attuale situazione economica di grande difficoltà, questo appena firmato è il miglior contratto che si sarebbe potuto sottoscrivere, nell'ottica di conciliare gli interessi delle imprese e dei lavoratori» ha commentato Giuseppe Gargaro, Presidente di Assistal, dopo l'odierno rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro dell'Industria Metalmeccanica e d'installazione d'impianti.
Anche la normativa sulla malattia ha subito un'importante modifica nella direzione di una più severa penalizzazione dei cosiddetti assenteisti in favore di una maggiore tutela dei "veri malati", raccogliendo, in tal modo, anche le istanze dei lavoratori.
Per quanto concerne l'incremento salariale, l'importo sul quale si è trovato l'accordo, è pari a 130 euro al 5° livello con una novità: la possibilità di posticipare di dodici mesi la seconda e terza tranche di aumento per favorire accordi finalizzati all'incremento della produttività.
Dal punto di vista degli inquadramenti, viene creato un livello intermedio tra terzo e quarto, e viene data attuazione ad un livello ulteriore riferito esclusivamente ai quadri.
Infine, novità importanti sul fronte del contratto di apprendistato dove sono state recepite la norme della riforma Fornero e il successivo intervento del recente accordo interconfederale in materia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA