Lavori Pubblici

Ciaccia: Presto interesse del capitale straniero

Nelle prossime settimane fiorirà l'interesse del capitale straniero per le infrastrutture del nostro paese, grazie allo strumento del project bond. Lo ha detto il viceministro alle Infrastrutture e Trasporti, Mario Ciaccia, intervenendo a un dibattito sulle infrastrutture in occasione del primo numero del nuovo magazine di Autostrade per l'Italia, «Agorà», dedicato al settore.

«Credo che nelle prossime settimane - ha detto il viceministro - assisteremo a un fiorire di interesse sul capitale di rischio straniero sulle nostre infrastrutture, attraverso i project bond».

«Sento profumo di buono - ha proseguito il viceministro -, avremo delle sorprese favorevoli che innalzeranno il livello di fiducia nel nostro paese. Considerato che il sistema bancario sarà in condizione di erogare enormi somme per tempi ancora non enormi - ha aggiunto Ciaccia parlando dei project bond - il sistema che abbiamo creato potrà dare risposte importanti per società importanti». Tra le opere che potrebbero beneficiare dell'interesse del capitale straniero, il viceministro ha citato tra le altre il passante di Mestre e la Tem, ovvero la tangenziale est di
Milano. Infine sull'emendamento Brown Field, in discussione al Senato dove si trova il decreto sviluppo, e che escluderebbe l'operatività dei project bond per le opere già esistenti, il
viceministro ha concluso affermando che: «Penso non verrà votato» .


© RIPRODUZIONE RISERVATA