Lavori Pubblici

Boom di lavori stradali. Dal 25 ottobre fiera per gli operatori stranieri

In Angola si costruisce: nei prossimi due anni, stando alle dichiarazioni di Molares d'Abril, coordinatore dell'Istituto delle strade di Angola (INEA), saranno riabilitati dai 14 ai 16 mila chilometri di rete stradale. Corrispondono a oltre la metà della rete esistente nel Paese. Questo in aggiunta all'espansione già avviata, dei maggiori porti e della rete di aeroporti, al rilancio delle ferrovie, alle nuove infrastrutture urbane (reti elettriche ed idriche) e al programma che prevede costruzione di un milione di nuovi alloggi. Operano nel Paese soprattutto imprese di costruzioni cinesi, brasiliane, portoghesi. Ma anche tedesche e francesi soprattutto per gli interventi di maggior impegno (ponti, fondazioni, canalizzazioni).
Ancora limitata, benché in crescita, la presenza italiana (260 milioni di euro di commesse in corso secondo alla fine del 2010, secondo dati ANCE). Un appuntamento utile per informarsi sulle opportunità aperte nel settore incluso il mercato dei materiali da costruzione, impiantistica, componenti e macchinari per l'edilizia, impiantistica, la é Fiera PROJEKTA, in programma dal 25 al 28 ottobre 2012 a Luanda, in occasione della quale sono previsti anche i numerosi incontri e
workshop su diverse tematiche e progetti del settore.
Settori merceologici: costruzioni civili e opere pubbliche, macchinari, materiali da costruzioni, energie alternative, climatizzazione, equipaggiamenti per la sicurezza, mobili e accessori, servizi di consulenza, architettura e ingegneria. Al fine di facilitare l'adesione degli operatori italiani alla manifestazione, sono stati resi direttamente disponibili sul sito web dell'Ambasciata italiana a Luanda (www.ambluanda.esteri.it) i documenti necessari per la partecipazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA