Lavori Pubblici

Federcostruzioni: Un marchio Italia per le imprese che vanno all'estero

Un Marchio Italia per le Costruzioni che garantisca un edificio costruito in qualsiasi parte del mondo, ma progettato e realizzato Made in Italy. È la proposta lanciata dal presidente di Federcostruzioni e di Ance Paolo Buzzetti nel corso del convegno Il mercato mondiale delle costruzioni.

«È un sogno che vorrei realizzare – ha dichiarato Buzzetti – insieme all'Agenzia per l'internazionalizzazione delle imprese italiane e a Simest. Un sogno che potrebbe dare nuova linfa vitale al mercato. Vi sono Paesi – ha spiegato - dove la contrazione del mercato è significativa come in Italia e ve ne sono altri dove il ruolo dell'edilizia per lo sviluppo economico e sociale resta fondamentale e dove si registrano tassi significativi di crescita degli investimenti. È qui che bisogna puntare ma senza rinunciare alla qualità e alla capacità dell'imprenditoria del settore italiano delle costruzioni che ci vengono riconosciute in tutto il mondo».

Un ragionamento accolto dal presidente dell'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane Riccardo Monti. «Razionalizzare il sistema italiano all'estero migliorando la rete già esistente e includendo tutte le nostre risorse: quelle umane dei rappresentanti delle filiere produttive a quelle finanziarie disponibili presso le regioni». Queste le priorità lanciate da Monti. Un altro aspetto strategico individuato dal presidente dell'Agenzia è la possibilità di utilizzare le conoscenze specifiche del settore delle costruzioni. A questo fine Monti ha chiesto a Federcostruzioni «una concreta collaborazione anche con personale negli uffici dell'Agenzia all'estero soprattutto in quei Paesi che offrono maggiori opportunità per le imprese italiane come la. Russia,il Brasile,ma anche alcune aree dell'Asia centrale e dell'Africa settentrionale».

La fotografia scattata dall'indagine, promossa da Federcostruzioni e MADE e realizzata dal Cresme, delinea un quadro preciso delle opportunità dove le imprese italiane possono operare. In termini generali il mercato mondiale delle costruzioni ha investito nel 2011 circa 5.570 miliardi di euro, Un contributo che ammonta oggi a poco più dell'11% del Pil. Il centro del mondo delle costruzioni si sposta sempre di più verso oriente . Un fenomeno che si presenta soprattutto per la forte crescita di Cina e India.


© RIPRODUZIONE RISERVATA