Lavori Pubblici

In arrivo il 47° Marmomacc. Settore lapideo in difficoltà in Italia, bene l'export

Presentata questa mattina a Verona la 47^ edizione di Marmomacc (che si svolgerà dal 26 al 29 settembre) il più importante appuntamento fieristico a livello mondiale per il marmo, la pietra naturale e le tecnologie ad esse collegate. Il settore, come ha sottolineato Ettore Riello, presidente di VeronaFiere, organizzatrice della manifestazione, vive soprattutto in Italia, una fase di estrema difficoltà. Nonostante questo il marmo nazionale, nel primo semestre di quest'anno mostra segnali positivi soprattutto nell'export di materiali lavorati e semilavorati. I volumi, infatti, sono cresciuti del 4,4% (passando da 1 milione e 426 mila tonnellate a 1 milione e 489 mila tonnellate), ma soprattutto in valore con un + 7,4% a 835,3 milioni di euro contro i 777,9 del primo semestre 2011.
Il settore delle macchine e delle tecnologie, mantiene invece sostanzialmente gli stessi livelli dello scorso anno. Tra i mercati di riferimento, le esportazioni verso gli Usa crescono del 23,4% e in Arabia Saudita addirittura del 55,6% mentre in Europa tengono bene i mercati tedesco (+8,6%) francese (+8,3%) e svizzero (+5,4%). Sempre molto difficile invece la situazione del mercato interno che sconta il sostanziale collasso del settore delle costruzioni, e del residenziale in particolare.
Il comparto in Italia genera da solo un fatturato di circa 4,3 miliardi di euro con 3500 imprese industriali e 40mila occupati.
Marmomacc, anche quest'anno ,si conferma come il salone di riferimento a livello mondiale, al punto che sarà visitato non solo da operatori, buyer e imprenditori, ma anche da delegazioni governative di paesi che vogliono capire, con una visita a Verona, quali azioni intraprendere a sostegno del settore lapideo nel proprio Paese. Una attenzione al comparto che, come ha sottolineato nel corso della presentazione Flavio Marabelli presidente di Assomarmomacchine, purtroppo il governo italiano dimostra di non avere.
Più nel dettaglio, Marmomacc ospita l'intera filiera del comparto lapideo: dai blocchi grezzi ai macchinari, fino alle novità nel campo del design applicato a marmi e graniti, passando per i corsi e i seminari di formazione rivolti agli architetti. La rassegna ospita oltre 1400 espositori dei quali 803 stranieri (il 57% del totale) su una superficie espositiva netta di 74 mila mq con l'utilizzo di tutti i padiglioni e le aree scoperte. Saranno ben 42 le delegazioni ufficiali provenienti dall'estero (+23% rispetto all'edizione 2011) a conferma della fortissima vocazione internazionale della rassegna che attende quest'anno oltre 55 mila visitatori professionali. Nel corso della manifestazione, oltre a due nuovi accordi per attività di promozione in Egitto e Marocco che rafforzeranno la presenza di Marmomacc all'estero, saranno presentati due studi che interessano il settore della pietra naturale. Si tratta di "Marmomacc Outlook" un progetto di ricerca a livello internazionale rivolto alle aziende di questa filiera con dati e informazioni sul mercato aggiornati ogni tre mesi e "Tutti i colori del marmo" una indagine sulla percezione di questo materiale da parte dei consumatori finali e degli architetti ed interiors designer.
Proprio a queste figure professionali sono dedicati anche molti degli avvenimenti culturali che da sempre caratterizzano Marmomacc: da Marmomacc Meets Design al Best Communication Award fino al Forum del Marmo con la consueta non stop di conferenze letture ed incontri con famosi architetti e docenti universitari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA