Lavori Pubblici

Credito d'imposta alle infrastrutture nella bozza del nuovo Dl Sviluppo

Il Governo sta studiando l'introduzione del credito d'imposta, fino al 50% del costo dell'investimento, «per favorire la realizzazione di nuove opere infrastrutturali». Lo prevede la bozza del decreto sviluppo all'esame del Governo.
In particolare, la norma si riferisce alle opere «di importo superiore ai 500 milioni di euro», che prevedono «l'utilizzazione dei contratti di partenariato pubblico-privato», «per le quali non sono previsti contributi pubblici a fondo perduto» ed è acclarata «la non sostenibilità del piano economico finanziario».
Il credito «è riconosciuto al soggetto titolare del contratto di partenariato pubblico privato» e
sarà «a valere sull'Ires e sull'Irap generate in relazione alla costruzione e gestione dell'opera». In particolare, il credito di imposta «è stabilito per ciascun progetto nella misura necessaria al raggiungimento dell'equilibrio del piano economico finanziario e comunque entro il limite massimo del 50% del costo dell'investimento».


© RIPRODUZIONE RISERVATA