Lavori Pubblici

Ricavi e utili in crescita per Grandi Lavori Fincosit che ora guarda all'estero

Mau.S.

Approvati dall'assemblea degli azionisti i conti 2011 dell'impresa romana. Il portafoglio ordini sale a 3 miliardi. In programma l'assunzione di altri 50 addetti, sui 500 dipendenti già effettivi. All'estero occhi puntati su Sud America e Medio oriente

Mezzo miliardo di ricavi, con risultati in crescita e riduzione dell'indebitamento. Si chiude con fondamentali positivi il bilancio 2011 di Grandi Lavori Fincosit. I conti dell'impresa romana, impegnata tra l'altro nella realizzazione del Mose di Venezia, sono stati approvati oggi dall'assemblea degli azionisti.

A livello consolidato Glf ha conseguito un utile netto di 6,57 milioni (6,27 nel 2010) a fonte di un valore della produzione balzato del 19% fino alla soglia di 500 milioni di euro. Il risultato operativo lordo si attesta sui 19 milioni contro i 14,8 del 2010. L'indebitamento finanziario netto è sceso da 93 a 56 milioni. Buona anche la performance della controllata statunitense Glf Construction Corporation «che in un mercato fortemente competitivo come quello statunitense - sottolinea l'azienda in una nota - ha largamente superato i 40 milioni di dollari di fatturato».

Nonostante la crisi cresce anche il portafoglio ordini che nei primi mesi del 2012 si è avvicinato alla quota di 3 miliardi, contro 2,2 di fine 2010. Un risultato raggiunto grazie a importanti acquisizioni come la Pedemontana Lombarda, un maxilotto della Salerno-Reggio Calabria, il Nuovo Tunnel del Col di Tenda, la diga e la darsena del Porto di Civitavecchia, la strada provinciale Rho-Monza. In funzione di tale monte ordini, l'impresa, che occupa poco meno di 500 dipendenti, incrementati del 10% nel 2011, fa sapere di aver già programmato l'assunzione di ulteriori 50 unità.

Per l'immediato futuro l'obiettivo è quello di aumentare l'impegno sui mercati esteri. In particolare verso l'America Centrale e del Sud, l'Iraq, il Qatar e verso il Kuwait e la Libia «Paesi questi ultimi due per i quali sono stati recentemente sottoscritti importanti accordi di collaborazione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA