Lavori Pubblici

In Australia lavori urgenti per le infrastrutture

Spazio agli operatori del green buildings. Il Governo auspica collaborazione con le imprese straniere

L'assetto infrastrutturale australiano è in condizioni così gravi da necessitare urgentemente una completa e massiccia opera di ammodernamento e, in tale ottica, il Governo ha già previsto investimenti per un ammontare pari a 630 miliardi di euro.
Questo è quanto emerge dall'ultimo rapporto presentato dall'ente statale australiano Infrastructure Australia, creato appositamente nel 2008 per migliorare e stimolare la crescita del settore infrastrutturale nel Paese oceanico. Il rapporto mette in guardia da costi elevati sul lungo periodo, visto che nell'ultimo decennio la crescita della produzione manifatturiera è costantemente diminuita a fronte dell'esplosione del comparto estrattivo ed energetico.
Il compito di Infrastructure Australia consiste nel fornire appoggio al governo nelle fasi di individuazione delle priorità progettuali, nella loro tempistica e nel condurre le gare per la selezione degli operatori terzi cui affidare i progetti che verranno approvati e finanziati. Per via di tale obiettivo, particolarmente importante sarà, secondo Infrastructure Australia, eliminare le barriere d'entrata per i fornitori e gli operatori privati che finora hanno condizionato la presenza di investimenti esteri.
Dopo un iniziale rallentamento dovuto agli effetti della crisi finanziaria internazionale, finalmente si attueranno numerosi progetti nel settore delle infrastrutture e a tale scopo il governo australiano auspica espressamente la collaborazione con aziende estere. Il motivo va ricercato nel fatto che l'ente Infrastructure Australia ha segnalato una mancanza di specialisti qualificati in Australia, soprattutto negli ambiti della pianificazione e dello sviluppo progettuale, della costruzione e dell'industria edilizia, nonché di green buildings.
L'Australia si è posta complessivamente sette punti programmatici prioritari:
1. Trasformazione delle città
2. Approvvigionamento idrico adeguato alle esigenze e affidabile
3. Mercato energetico nazionale
4. Logistica internazionale competitiva
5. Rete nazionale per il trasporto di merci
6. Rete nazionale di banda larga
7. Miglioramento dell'infrastruttura per le località isolate
L' ufficio ICE di Sydney è a disposizione delle aziende italiane, con i propri servizi qualificati e la conoscenza del mercato australiano, per approfondire tali tematiche e sostenere i loro processi di internazionalizzazione verso il paese oceanico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA