Lavori Pubblici

Strade, ferrovie, Abruzzo e Tempa Rossa: risorse e approvazioni dal Cipe 23 marzo

Alessandro Arona

Finanziati il primo lotto della metropolitana di Brescia con 71,6 milioni e l'hub portuale di Ravenna con 60 milioni

Due miliardi di euro dal Cipe per sostenere l'economia. «La decisione – ha spiegato la Presidenza del Consiglio – completa un ciclo di misure tese a mettere fine alla grave incertezza dei flussi di finanza pubblica degli ultimi anni (il riferimento è alle sedute Cipe del 6 dicembre e 20 gennaio, ndr) e mira a riavviare una fase di crescita economica indispensabile per il rilancio del Paese».
Tra le assegnazioni decise nella seduta di ieri, per un totale di 1.951 milioni di euro, le principali voci sono costituite da 924 milioni per opere della legge obiettivo (infrastrutture strategiche nazionali) e 706 milioni per proseguire la ricostruzione post-terremoto in Abruzzo (per le annualità 2011 e 2012 la somma di 539,4 milioni di euro a carico del Fondo per lo sviluppo e la coesione per la riparazione e ricostruzione del patrimonio abitativo danneggiato, in attuazione della delibera CIPE n. 35/2009, ex art. 14, comma 1, legge n.77/2009; altri 167,6 milioni di euro a carico del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il ripristino degli immobili pubblici danneggiati, ex art. 14, comma 1, legge n. 77/2009. Si veda sull'Abruzzo l'altro servizio sul sito.

FONDI ALLE INFRASTRUTTURE
I finanziamenti per infrastrutture (i 924 milioni), sono stati tutti assegnati a valere sul fondo di cui all'articolo 32, c. 1 della legge 98/2011, che aveva 4,9 miliardi di euro e che con le assegnazioni di ieri è sostanzialmente esaurito. Spiccano in particolare i 300 milioni all'Anas per il Contratto 2012 e altri 300 a Rfi per il suo Contratto, annualità 2012. Poi ci sono i 30 milioni di euro per opere locali connesse alla Torino-Lione (si veda altro servizio), i 71,6 milioni per la tratta Prealpino-S.Eufemia della metropolitana di Brescia, i 70 mln per l'asse stradale Lioni-Grottaminarda di collegamento tra la A3 Salerno-Reggio Calabria e la A16 Napoli-Bari, i 60 mln per l'hub portuale di Ravenna, i 33 mln per la 106 Jonica, tratto Squillace-Simeri Crichi.

ALTRI FINANZIAMENTI
Inoltre, 70 milioni sono stati destinati a nove interventi di recupero, restauro e valorizzazione di sedi museali di rilievo nazionale (Grande Brera, Galleria dell'Accademia di Venezia, Palazzo Reale e Museo di Capodimonte a Napoli, Poli museali di Melfi-Venosa, Taranto e Palermo, Museo nazionale di Cagliari, Museo archeologico nazionale di Sassari) e altri 6 milioni per il completamento dei lavori di restauro del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria.
Il Cipe ha anche approvato il riparto tra le Regioni e le Province autonome di 180 milioni di euro del Fondo Sanitario Nazionale per prevenzione e lotta all'Aids e alla fibrosi cistica, a borse di studio in medicina generale e a dirigenti sanitari che hanno scelto l'esclusiva del rapporto con il sistema sanitario nazionale.
Cinque milioni di euro sono inoltre andati ai paesi colpiti dall'alluvione del 25 ottobre scorso nelle Cinque Terre (Liguria).
Il Cipe ha infine assegnato 65 milioni di euro (60 gestiti da Invitalia e 5 da Ismea) per misure a sostegno dell'occupazione, in particolare autoimprenditorialità e autoimpiego, volte a favorire prevalentemente giovani e donne.
A tutto ciò si aggiunge l'approvazione data dal Cipe al progetto di Total E&P Italia per l'ampliamento del giacmento petrolifero "Tempa Rossa", in Basilicata, che svilupperà investimenti per 1,3 miliardi di euro.
Il Comitato ha inoltre preso atto dell'entità delle risorse disponibili per la riprogrammazione (2.374 milioni di euro) a seguito della ricognizione sulle risorse liberate sui Programmi Operativi 2000-2006, individuando i criteri e le modalità di impiego di tali risorse. Un tesoretto non da poco, che andrà ridestinato in gran parte per progetti nel Mezzogiorno.

GRANDI MUSEI, L'ELENCO
L'elenco dei progetti finanziati attraverso il Fondo per lo sviluppo e la coesione, in ordine di priorità, sono i seguenti:
1) Palazzo Reale di Napoli – Campania –
Il progetto prevede il restauro, recupero funzionale e adeguamento impiantistico del complesso monumentale del Palazzo Reale; il miglioramento della sicurezza, fruizione e accoglienza; l'aumento degli spazi culturali offerti al pubblico e dell'articolato sistema di spazi aperti e pertinenze del complesso. Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 18.000.000 di euro.
2) Museo - Reggia di Capodimonte di Napoli - Campania
Il progetto prevede la revisione e implementazione degli impianti del museo di Capodimonte. Prevede inoltre il completamento degli interventi di restauro e di recupero funzionale della reggia; l'adeguamento funzionale e la valorizzazione del parco circostante. Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 7.000.000 di euro.
3) Pinacoteca - Grande Brera a Milano - Lombardia
Il progetto prevede la messa in sicurezza e liberazione dei locali nella ex Caserma Mascheroni; il completamento del restauro e il ripristino edilizio del Palazzo Citterio; la revisione e il rifacimento delle coperture del complesso di Brera. Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 23.000.000 di euro.
4) Grandi Gallerie dell'Accademia a Venezia – Veneto
Il progetto prevede il completamento del progetto museografico al piano terreno, l'adeguamento funzionale e la revisione museografica dell'intero primo piano e della Quadreria al secondo piano delle Gallerie dell'Accademia. Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 7.000.000 di euro.
5) Polo Museale di Melfi-Venosa - Basilicata
Il progetto prevede l'adeguamento strutturale del Museo di Venosa; l'allestimento di spazi espositivi e di un punto di accoglienza; la realizzazione di strutture per la copertura dei mosaici dell'area archeologica di Venosa. Prevede inoltre l'allestimento di spazi per eventi e servizi aggiuntivi nel Museo di Melfi; il recupero della grande cisterna del castello sede del Museo. Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 4.000.000 di euro.
6) Polo Museale di Cagliari – Sardegna
Il progetto prevede: 1. il rinnovo degli spazi espositivi del Museo Nazionale archeologico di Cagliari (il più importante museo a livello mondiale delle antichità sarde) e l'allestimento di laboratori didattici; 2. l'ampliamento degli spazi espositivi (Polo di San Pancrazio) con destinazione a funzioni museali dell'Ex Regio Museo Archeologico – edificio storico in Piazza Indipendenza – in cui troverà spazio una sezione del Museo espressamente dedicata al complesso di Monte Prama; 3. la realizzazione di spazi idonei per i servizi aggiuntivi di qualità all'interno del Polo San Pancrazio . Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 2.500.000 di euro.
7) Polo Museale di Sassari - Sardegna
Il progetto prevede il consolidamento e riallestimento dell'area espositiva nel padiglione Neoclassico del Museo archeologico nazionale di Sassari G.A. Sanna e del padiglione Clemente. Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 1.500.000 di euro.
8) Polo museale di Taranto – Puglia
Il progetto prevede: 1. il restauro e l'allestimento di spazi del Museo Archeologico di Taranto per funzioni espositive e attività collaterali; 2. la realizzazione di strutture per i servizi di accoglienza e riqualificazione dei percorsi archeologici nel Parco archeologico di Saturo nel comune di Marina di Leporano; 3. la realizzazione di strutture per i servizi di accoglienza e riqualificazione dei percorsi archeologici nel Parco archeologico delle Mura Messapiche nel comune di Manduria. Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 5.000.000 di euro.
9) Polo Museale di Palermo
Il progetto prevede la riqualificazione dell'edificio e allestimento delle sale espositive del Museo Regionale Archeologico "Antonio Salinas" Il bando di gara è previsto entro dicembre 2012. L'importo è di 2.000.000 di euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA