Lavori Pubblici

40.Salvatore Matarrese

Esportazioni in aumento e ordini per altri cinque anni

Recupera terreno (dopo un quadriennio di ridimensionamento) la ex-maggiore impresa barese (scavalcata da Dec), terza nel Mezzogiorno. È qualificata come contraente generale in I classifica con il consorzio stabile Samac (insieme a Claudio Salini e a Carena).
Fondata nel 1945 è soggetta al controllo della holding di famiglia Finba (i cui dati sono qui pubblicati in quanto la maggior parte della produzione è ascrivibile alla capogruppo e alle controllate e collegate) diversificata nell'immobiliare, nella produzione di inerti, nell'ecologia, nella meccanica industriale e nel calcio professionistico (il Bari che da tempo cerca di liquidare). Nel 2010 accresce il fatturato dell'11,9% aumentando la quota all'esportazione (11,8%) imputabile sostanzialmente all'Albania dove sta realizzando un importante lavoro stradale in tandem con Claudio Salini.
Il buon andamento della produzione si riflette sui margini: l'Ebitda cresce del 27,2% e l'Ebit quasi raddoppia. Ma il conto economico si chiude con una (leggera) perdita a causa di oneri finanziari non ricorrenti (infatti l'impresa non perde). L'indebitamento netto peggiora del 32,9% perché risente delle difficoltà finanziarie di un cantiere in Marocco (sempre con Claudio Salini) e degli investimenti necessari all'avviamento di nuovi. In rapporto al patrimonio netto (in flessione dell'1,4%) genera un debt/equity di 1,44. Quanto alla prestazione commerciale, il portafoglio ordini si accresce del 4,5% e assicura un quinquennio di produzione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA