Lavori Pubblici

35.Toto

Acquisizione di AutoParchi e più ordini: futuro garantito

Scivola di una posizione per una contrazione del fatturato (civilistico) del 2,8 per cento. L'impresa abruzzese è tra le maggiori specializzate in infrastrutture stradali ma si è imposta anche nelle concessioni autostradali. Possiede infatti l'Autostrada dei Parchi avendo acquistato il rimanente 60% da Autostrade per l'Italia con la liquidità ottenuta dal conferimento del vettore aereo AirOne a Cai (la società che controlla Alitalia a cui Carlo Toto partecipa). Il gruppo (che non ha abbandonato gli interessi aeronautici) ha avviato una diversificazione nelle energie rinnovabili con l'estero nel mirino. Nel 2010 la flessione della produzione dell'impresa si riflette sui margini della gestione caratteristica: l'Ebitda scende del 32,1% (anche per un incremento dei costi del personale del 14,7%) mentre l'Ebit è più che dimezzato. Il conto economico chiude però con un utile accresciuto del 13,5 per cento. L'indebitamento netto si incrementa del 4,9% e il patrimonio netto si consolida dello 0,9 per cento. La tensione finanziaria resta sotto controllo dal momento che il rapporto debt/equity si attesta a 0,36. Per il futuro Toto conta su un portafoglio ordini incrementato del 27,4% che assicura cinque anni di attività oltre ai ricavi a "in house" che porterà l'Autostrada dei Parchi: 700 milioni di lavori attesi entro il 2030. La commessa più importante del quinquennio è la realizzazione di tre lotti della Variante di Valico della A1 (che realizza con la tecnologia di scavo meccanizzato Tbm) per un valore superiore a 600 milioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA