Gestionale

Inarcassa, nuova convenzione con i Lloyd's per le coperture della Rc professionale e tutela legale

Al. Le.

L'accordo, operativo dal 1° gennaio, rispetto al precedente offre miglioramenti economici e normativi

Per i professionisti arriva una nuova convenzione per le coperture della RC Professionale e Tutela Legale. Inarcassa rende noto che dal 1° gennaio 2016 sarà attiva la nuova convenzione dedicata agli ingegneri e agli architetti liberi professionisti e alle società, con i Lloyd's di Londra, mediante Assigeco, uno dei più importanti coverholder degli assicuratori inglesi

Il nuovo accordo offre, rispetto al precedente, miglioramenti economici e normativi:
premi scontati del 1,80% per la copertura RC e 0,1% per la Tutela Legale, con un premio minimo annuo di 206,23 euro per tutti gli iscritti, incluse le società di ingegneria;

ai fini del calcolo del premio, non sono più considerati tutti i sinistri attivati prima della stipula della polizza o del suo rinnovo, che alla data di adesione non abbiano dato luogo al riconoscimento dell'obbligo di liquidazione di risarcimenti;

per gli assicurati con sinistri pregressi che abbiano dato luogo effettivo alla liquidazione di un risarcimento prima della stipula o dell'eventuale rinnovo di polizza per un importo pari o inferiore a 100mila euro, gli assicuratori dei Lloyd's si impegnano ad applicare una percentuale di aumento pari solo al 20% del premio delle tariffe in convenzione;

per gli assicurati con sinistri liquidati con importi superiori a 100mila euro, sarà applicato un aumento percentuale del premio di tariffa, articolato a scaglioni, senza pregiudicare il diritto di sottoscrizione della polizza, qualunque sia l'importo del sinistro liquidato;

le polizze verificatori saranno offerte gratuitamente se massimale e durata richieste saranno compatibili con la polizza RC sottoscritta.

È stata inoltre aumentata l'ampiezza della copertura con due garanzie aggiuntive:
perdita di reddito, nel limite di 10mila euro annui, per accertamenti fiscali (diretta connessione di causa tra la perdita di reddito e l'impatto dell'accertamento subito);
cybercrime/errori/omissioni, nel limite annuo di 250mila euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA