Città e Urbanistica

Milano, Assoedilizia porta al Tar il nuovo regolamento edilizio

Red. E&T

Contestati l'obbligo del "libretto del fabbricato" e quello del collaudo per tutti gli edifici, anche preesistenti

Il nuovo regolamento edilizio del Comune di Milano non piace alla proprietà edilizia. Soprattutto per due aspetti: l'obbligo del "libretto del fabbricato" e quello del collaudo per tutti gli edifici, anche preesistenti.
Con ricorso al Tar Lombardia-Milano, notificato il 23 gennaio 2015, Assoedilizia e un privato proprietario di immobili in Milano hanno impugnato alcuni articoli del regolamento edilizio di Milano approvato con delibera del Consiglio comunale il 2 ottobre 2014 e pubblicato il 26 novembre 2015. Il ricorso è patrocinato dagli avvocati Bruna Vanoli Gabardi e Luca Stendardi.

Più in dettaglio, gli articoli del Regolamento impugnati prevedono: il conferimento al direttore del coordinamento delle attività edilizie, del potere di aggiornare automaticamente il regolamento per adeguarlo a disposizioni di legge, a decisioni della Corte Costituzionale e a sentenze definitive del Consiglio di Stato; l'obbligo di collaudo degli edifici con più di 50 anni, con il venir meno della agibilità dell'edificio privo della relativa certificazione e l'obbligo per i notai di allegarla agli atti di compravendita; l'intervento del Comune sugli immobili in accertato stato di abbandono e degrado con diffida a eseguire gli interventi di ripristino con assunzione di intervento e spesa da parte del Comune, che andrà poi a recuperarla coattivamente dal proprietario; il fatto che se il Comune non esegue direttamente gli interventi può richiederli ai proprietari, che non avranno altri permessi se non li eseguiranno; l'attribuzione a una destinazione pubblica dei beni di cui sopra nell'ipotesi che il proprietario non provveda al ripristino e il Comune non intervenga direttamente ritenendo la spesa eccessivamente gravosa; l'istituzione del fascicolo del fabbricato e l'obbligo di consentire nei cortili il parcheggio di biciclette.


© RIPRODUZIONE RISERVATA