Città e Urbanistica

Pronto il regolamento buche, nel 2015 appalti per 150 milioni

«Nel bilancio 2015 vogliamo inserire una cifra compresa tra i 100 e i 150 milioni di euro per la
manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade della nostra città». Così il sindaco di roma, ignazio marino, a margine della presentazione del nuovo regolamento sugli scavi.

«Faccio solo riferimento a un numero che dà la dimensione del problema- ha aggiunto marino- a roma abbiamo 100 milioni di metri quadrati di superficie stradale. Con 100 milioni di euro, che sembra una cifra enorme, si può rifare il 5% del manto stradale. Questo significa che il 95% rimane non rifatto. E per questo serve un regolamento come quello varato oggi perché significa stringere un'alleanza con le aziende che quando dovranno fare uno scavo dovranno anche rifare la strada».

Il «regolamento strade» prevede, tra le altre cose, la riasfaltatura totale dell'intera sede stradale dopo gli scavi. E inoltre il rilascio di un deposito cauzionale a copertura della regolare esecuzione dei lavori e degli eventuali danni. Poi penali certe per chi non compie alla regola i lavori. Ed ancora: divieto di eseguire interventi non programmati e doppi interventi a distanza di pochi mesi. E obbligo per le aziende alla vigilanza e rimozione degli armadi stradali.

Le nuove regole sono state presentate questa mattina dal sindaco di roma, Ignazio Marino, e dall'assessore ai lavori pubblici, paolo masini. «Per noi- ha spiegato quest'ultimo- è la prima grande innovazione per le nostre strade a cui seguirà il nuovo appalto. Passiamo dall'emergenza alla programmazione con il conseguente divieto di interventi non programmati e doppi interventi a distanza di pochi mesi, cosa frequente con i lavori per i sottoservizi. Il tutto grazie a un maggiore coordinamento e alla razionalizzazione degli interventi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA