Città e Urbanistica

Matera sarà la Capitale europea della cultura in Italia nel 2019

Al. Tr.

La città lucana supera in finale le altre candidate: Perugia, Cagliari, Siena, Lecce e Ravenna - il ministro Franceschini: «Presto anche la Capitale italiana»

Matera sarà la Capitale europea della cultura in Italia del 2019. Con 7 voti su 13 Il capoluogo lucano ha avuto la meglio su una rosa di sei candidate che comprendeva anche Cagliari, Perugia-Assisi, Siena, Lecce e Ravenna e si è aggiudicata il titolo assegnato anche alla città bulgara di Plovdiv. Secondo alcuni osservatori l'impatto economico sul territorio di questo titolo è valutabile in circa 30 milioni. La designazione ufficiale da parte del Consiglio dei ministri dell'Unione Europea avverrà a metà 2015.

Il verdetto è stato comunicato da Steve Green, presidente della Giuria di selezione composta da 13 membri (6 italiani e 7 stranieri) al Ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, che ha dato l'annuncio. «La cosa più importante della sfida vinta da Matera é la straordinaria capacità progettuale d'insieme che hanno messo in campo le 6 città della short list» ha detto Franceschini, spiegando che «il presidente della Commissione ha affermato che nessun'altra competizione é mai stata di questo livello qualitativo» e per questo «sono importantissime le due norme approvate dal parlamento con decreto Art Bonus, cioè il programma Europa 2019 che prevede di sostenere la realizzazione del lavoro progettuale anche delle città che non hanno vinto e l'introduzione dal 2015 della Capitale Italiana della cultura». La prossima volta che l'Italia avrà la capitale europea «sarà nel 2033 - ha aggiunto il ministro - ed é quindi evidente che una capitale della cultura a livello nazionale e ogni anno, offrirà invece una opportunità di competizione virtuosa a tutte le città italiane grandi e piccole, in grado di far scattare gli stessi meccanismi positivi e straordinari in termine di progettazione unitaria e creatività che abbiamo visto ora tra le 6 città finaliste».
«La designazione è un esempio di civiltà e riscatto che da Matera e dal Sud arriva
all'Europa - ha detto il sindaco di Matera Salvatore Adduce - e non stiamo più a pietire, ma a dare un contributo su come la cultura possa trasformare un territorio».

I criteri di scelta della Capitale della cultura fissati dall'Ue stabiliscono che le città devono preparare un programma culturale con una forte dimensione europea e incoraggiare la partecipazione dei cittadini sul territorio della città, dell'area circostante e dell'intero paese. Il programma deve avere un impatto durevole e contribuire allo sviluppo culturale e sociale della città nel lungo termine.
La scelta delle tematiche e il modo in cui sono organizzati gli eventi in programma deve rispecchiare la dimensione europea. È incoraggiata la cooperazione tra gli operatori culturali di diversi paesi dell'Ue.


© RIPRODUZIONE RISERVATA