Città e Urbanistica

Bologna, regolamento più flessibile per cambi d'uso e riqualificazione

Dal prossimo autunno, a Bologna, sarà più semplice trasformare un negozio in una banca; costruire capanni per gli attrezzi vicino agli orti; riqualificare stabili fino a 15.000 Metri cubi; fare interventi di miglioramento energetico degli edifici.
È quanto prevede una variante al regolamento urbanistico edilizio del comune, presentata stamane in una conferenza stampa dall'assessore all'urbanistica, patrizia gabellini. La decisione é nata per rispondere a nuove normative, «adeguarsi alla situazione economica che cambia, per promuovere la sostenibilità ambientale« e «garantire certezze ai cittadini, i professionisti e i tecnici del settore«, elenca l'assessore. La novità infatti, ha tra i suoi obiettivi quello di favorire la
riqualificazione edilizia e alleggerire e semplificare le procedure.

Ora, per esempio, viene innalzata la soglia che rende necessario l'inserimento nel piano operativo comunale di interventi su edifici sotto i 15.000 Metri cubi (prima era a 7.000). Questo vale però per immobili già consolidati, senza quindi consumare altro territorio. Saranno poi facilitati i cambi d'uso del centro storico (da negozio a ufficio, per esempio), senza dover pagare quote al comune con l'unico obbligo di preservare le vetrine. E sarà più semplice anche allargare o frazionare dei negozi per rinnovare le attività.

Per quanto riguarda gli orti, una realtà in costante crescita, si potrà più agilmente costruire
capanni per gli attrezzi o piccole aree di aggregazione, come sarà più veloce il lavoro di adeguamento sismico o riqualificazione energetica per gli edifici vincolati del '900. Infine, sarà possibile ingrandire gli stabili già esistenti se, però, si proporranno interventi di riqualificazione energetica. La variante al regolamento dovrà passare in consiglio comunale, poi sarà pubblicata per raccogliere le osservazioni fino a settembre, e dopo le controdeduzioni, farà un ulteriore
passaggio in aula. L'assessore conta di poterla applicare nel pratico già dall'autunno inoltrato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA