Città e Urbanistica

Bologna, piano investimenti da 98 milioni in tre anni

Circa 200.000 Euro per l'adeguamento della piscina dello sterlino; 900.000 Per una sala al museo archeologico; 100.000 Euro per nuovi orti cittadini; 350.000 per per i percorsi pedonali in vista del rilancio del pilastro; un milione per sistemare i marciapiedi in tutta la città; 1,2 milioni per la mobilità ciclabile.
Sono solo alcuni dei nuovi interventi previsti nel piano dei lavori pubblici 2014, illustrati ieri in commissione dall'assessore riccardo malagoli. Una 'manovrà che vede una cifra di 98 milioni per il triennio 2014-2016 e un ulteriore adeguamento, sempre nello stesso periodo, di 109 milioni per quanto riguarda il piano investimenti.

E intanto, palazzo d'accursio accende un mutuo da 45 milioni, 20 per il 2014, 15 per il 2015 e 10 per il 2016, per avviare la progettazione di altre manutenzioni e lavori di vario genere nell'ambito stradale ed edilizio.

Tra i nuovi inserimenti 2014, ci sono anche 677.000 euro per un polo dedicato alla nuova imprenditorialità giovanile alle serre dei giardini margherita, i vespasiani, i lavori alle scuole
testoni-de amicis (300.000 Euro) e alle guercino (366.000). Opere che vedono un aumento di importo sono invece l'adeguamento normativo delle scuole (1,9 milioni) che probabilmente
permetteranno di ottenere una decina di certificazioni, la facciata dell'arena del sole (che passa da 300.000 a 400.000 euro), interventi urgenti sul patrimonio comunale (2,7 milioni), piste ciclabili (un milione) la ristrutturazione dell'edificio in via colombarola che diventerà una comunità semi residenziale per minori, due milioni per le scuole besta.
Sono annullati, invece, il cimitero per gli animali e i lavori di manutenzione straordinaria delle
strutture per lo spettacolo.

Anticipati a quest'anno l'acquisto della piscina dello sterlino (per 3,6 milioni), il consolidamento
delle arenarie di palazzo re enzo (500.000 Euro) e un contributo a tper di cinque milioni nell'ambito del progetto crealis. Crescono, poi, le cifre per l'acquisto di auto e moto per i
vigili (passate da 100.000 A 400.000 Euro) e lo sviluppo del car sharing (per un totale di 875.000 Euro).

Rimandati al 2015, infine, il contributo per eliminare i passaggi a livello, in attesa che rfi faccia la sua parte di lavori, e quello per il parcheggio dell'ospedale maggiore, visto che il bando é andato deserto. Il mutuo, spiega malagoli, servirà per dare altro ossigeno e lavoro anche ai bolognesi,
intanto, «con un grande sforzo«, il comune vede lavori in corso per 60.9 Milioni di eiro e 19 milioni già finanziati che dovranno portare altri cantieri. Tutto questo, escludendo i lavori per il crealis, annunciati qualche giorno fa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA