Città e Urbanistica

Lombardia, funziona l'operazione Pgt: i Comuni senza piano sono rimasti solo 77

Massimiliano Carbonaro

Dopo la proroga concessa dalla Giunta Maroni nel giugno scorso le città hanno recuperato gran parte del ritardo sull'adozione del nuovo strumento urbanistico - Data ultima è ora il 30 giugno 2014

Quasi ci siamo: sono solo 77 i Comuni lombardi che non sono ancora arrivati all'adozione del Piano del governo del territorio, il nuovo strumento urbanistico introdotto dalla legge regionale 12 del 2005. Il grosso dei centri che ancora rischiano il commissariamento sono per lo più amministrazioni sotto i mille abitanti, ma tra gli inadempienti spiccano i Comuni di Lecco (capoluogo di provincia), Seregno e Seveso, per le loro dimensioni. La scadenza per il pensionamento definitivo del vecchio Piano regolatore è il 30 giugno del 2014.

Si avvicina dunque a raggiungere il suo obiettivo il salva Pgt della Regione Lombardia (legge regionale n°1 del 4 giugno 2013, disposizioni transitorie per la pianificazione comunali) voluto da Roberto Maroni all'indomani del suo insediamento come presidente della Lombardia, visto che la precedente giunta aveva approvato un provvedimento (il collegato ordinamentale 2013, la legge regionale n°21 del 24 dicembre 2012) che di fatto bloccava l'urbanistica di ben 555 Comuni (tra cui capoluoghi di provincia come Como, Lecco, Pavia e Varese) che alla scadenza del 31 dicembre 2012 non avevano ancora adottato il Pgt.
L'irrigidimento da parte del Pirellone era allora motivato (a fine 2012) dal fatto che questo passaggio era ampiamente previsto dalla normativa urbanistica e la scadenza più volte reiterata nel corso degli anni. Ma nonostante questo alla fine del 2012 un terzo dei Comuni lombardi per quasi 700mila abitanti non era ancora riuscito ad adottare il Pgt. Le conseguenze del provvedimento regionale sono state la decadenza del Prg per gli oltre 500 Comuni con lo stop ad ogni iniziativa urbanistica: dai recuperi dei sottotetti, al piano casa, o ai piani integrati di intervento.

Quando è giunto l'intervento riparatore della nuova Giunta gli uffici tecnici comunali in discussione hanno messo il turbo e si sono affrettati ad arrivare almeno all'adozione del nuovo strumento urbanistico. «Su un totale di 1544 Comuni lombardi - ha detto l'assessore al Territorio della Regione Viviana Beccalossi - solo in 77, per ora, non hanno adottato il proprio Piano di Governo del Territorio. Dunque, siamo giunti quasi al termine del percorso che porterà tutto il territorio regionale ad avere aggiornati i propri strumenti di pianificazione urbanistica. Mancano poco più di cinque mesi dalla scadenza per l'approvazione, prevista per il 30 giugno, e per quella data, secondo i dati in nostro possesso, saranno davvero pochissimi i casi di inadempienza».

Solo pochi mesi fa i Comuni senza Pgt erano ancora oltre 200. «I nostri uffici – ha aggiunto la Beccalossi – stanno quindi monitorando il 5% mancante. Si tratta, salvo poche eccezioni, di realtà con meno di mille abitanti, che cercheremo di sostenere il più possibile».
Sono centri infatti che devono fare i conti con poche risorse e mancanza di personale tecnico, ma per aiutarli dovrebbe arrivare gli uffici della Regione con i loro tecnici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA