Città e Urbanistica

Edilizia scolastica, Miur: «Entro dicembre accordi per scuole con fondi immobiliari a Bologna e Firenze»

Alessia Tripodi

L'annuncio del sottosegretario all'istruzione Gian Luca Galletti - Oggi tavolo tecnico per rendere operativa l'Anagrafe nazionale

Edilizia scolastica, entro la fine di dicembre il ministero dell'Istruzione firmerà le convenzioni con Bologna e Firenze per le scuole realizzate con fondi immobiliari. Mentre oggi a Viale Trastevere si terrà un tavolo tecnico con le regioni per rendere operativa l'Anagrafe dell'edilizia scolastica. Lo ha annunciato ieri il sottosegretario all'Istruzione, Gian Luca Galletti, nel corso di un'audizione alla commissione Cultura della Camera.
«Il bando Miur che ha messo a disposizione delle regioni 38 milioni di euro per la realizzazione di nuove scuole con lo strumento dei fondi immobiliari - ha detto Galletti - ha raccolto finora 435 domande da parte degli enti locali per un totale di 378 milioni di euro richiesti. E già a metà dicembre - ha assicurato il sottosegretario - si potranno fare i protocolli d'intesa per l'accesso ai contributi che, come previsto dal bando, non potranno coprire più del 25% del costo totale degli interventi e andare oltre il tetto massimo di 5 milioni di euro. I primi comuni a firmare gli accordi saranno quelli di Bologna e Firenze».

Secondo il ministero, dunque, tutto procede come previsto. Ma in realtà già nelle scorse settimane l'Anci aveva chiesto al Miur di rivedere il bando perchè «troppo complicato per gli enti locali» (vedi articolo ) e proprio ieri in commissione Cultura la vicepresidente Manuela Ghizzoni (Pd), ha chiesto al sottosegretario chiarimenti in merito a tali rilievi, sottoscritti anche dall'Ance. «Non mi risultano particolari difficoltà riguardo l'attivazione dei fondi - ha risposto Galletti - ma probabilmente le perplessità derivano dalla difficoltà per i piccoli comuni di raggiungere la quota dei 5 milioni prevista dal bando e per questo - ha aggiunto - stiamo studiando la possibilità di prevedere un fondo regionale».

Nell'annunciare la riunione odierna «per aggiornare e rendere interoperativa» la tanto attesa Anagrafe dell'edilizia scolastica, il sottosegretario all'Istruzione ha anche sottolineato «l'impegno del Miur ad avere un'unica cabina di regìa in materia di edilizia scolastica», rendendo «le procedure più snelle» e «facendo confluire tutte le risorse per nell'ambito del fondo unico per l'edilizia scolastica».
Per quanto riguarda le risorse, Galletti ha ricordato l'emanazione del decreto ministeriale «che stanzia risorse per il 2014, mentre è stato predisposto ed è allo studio della Presidenza del consiglio il decreto che autorizza i sindaci a derogare alla disciplina vigente per ridurre i tempi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA