Città e Urbanistica

Il Comune di Milano dismette il palazzo di via Pirelli con la permuta

Il Consiglio comunale di Milano ha approvato, con 26 voti a favore e 14 astenuti, la delibera per la dismissione del palazzo di proprietà comunale di via Pirelli 39, mediante contratto di permuta con uno o più immobili situati a Milano da destinare a uffici dell'amministrazione. La delibera prevede che la permuta avverrà mediante procedura a evidenza pubblica e avrà un saldo positivo per il Comune. La congruità del valore degli immobili che verranno proposti all'amministrazione comunale sarà effettuata dall'Agenzia delle Entrate-Ufficio Territorio.

Il Consiglio ha votato anche l'immediata eseguibilità del provvedimento, allo scopo di avviare subito la gara per la ricollocazione degli uffici di via Pirelli.
L'immobile da acquisire in permuta dovrà essere idoneo ad accogliere circa 950 dipendenti, essere situato in una zona servita dalle linee metropolitane con un limite massimo di 500 metri dalla fermata, essere caratterizzato dalla massima adeguatezza alle normative vigenti in materia di prevenzione incendi, disporre dei requisiti acustici, antisistema, delle barriere architettoniche e degli impianti, compreso il cablaggio.
«È una scelta maturata per dare ai dipendenti condizioni di qualità per il loro lavoro e ai cittadini un luogo idoneo all'attività di servizio al pubblico. Auspichiamo di compiere l'operazione nei tempi più rapidi possibili», hanno dichiarato il vicesindaco con delega all'Urbanistica Ada Lucia De Cesaris e l'assessore ai Lavori pubblici Carmela Rozza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA