Città e Urbanistica

Il Demanio cerca un advisor per valorizzare il portafoglio immobiliare

L'Agenzia del Demanio ha indetto una gara per la selezione di un advisor che dovrà fornire supporto tecnico-economico per il progetto di sviluppo di un portafoglio di immobili pubblici nel Comune di Torino. La gara dà attuazione all'accordo stipulato il 21 novembre 2012 tra l'Agenzia e l'Amministrazione comunale, finalizzato alla promozione di azioni di sistema tra tutti i soggetti pubblici dotati di un proprio patrimonio immobiliare e che hanno scelto di aderire all'iniziativa.
L'obiettivo del bando di gara è selezionare un operatore che, attraverso analisi di sostenibilità tecnica, ambientale, giuridica ed economica, individui i migliori scenari di valorizzazione degli immobili e formuli proposte di intervento per la riqualificazione degli stessi, da attuare attraverso l'individuazione di specifici veicoli societari o fondi immobiliari.

Il portafoglio immobiliare su cui è richiesto il servizio di advisoring tecnico-economico comprende complessivamente dieci compendi immobiliari di proprietà dello Stato, del Comune e di altri Enti pubblici. In particolare, per due beni - l'ex Manifattura Tabacchi e l'ex stabilimento Fimit – l'analisi dovrà verificare la possibilità di realizzare strutture per il social housing, con priorità per residenze universitarie e relativi servizi. Per gli altri compendi immobiliari – tra i quali un ex poligono del genio ferrovieri – non è stata individuata a priori una specifica ipotesi di sviluppo.

Pertanto, ciascun bene dovrà essere analizzato singolarmente sulla base del contesto infrastrutturale, socio-economico e tecnico, al fine di valutare le soluzioni di valorizzazione più vantaggiose e funzionali, considerando anche l'impatto complessivo degli interventi e la coerenza con le strategie di pianificazione urbanistica del Comune.
Per partecipare alla selezione è necessario presentare le offerte entro il 18 aprile 2013. L'importo del corrispettivo del servizio posto a base di gara è di 130mila euro


© RIPRODUZIONE RISERVATA