Città e Urbanistica

Sabaudia (Lt), condannato marito di Carla Fendi

Doppia condanna per una serie di abusi edilizi a Villa Fendi sulle dune del lungomare di Sabaudia. Il giudice monocratico del tribunale di Latina, Cecilia Cavaceppi, ha inflitto un anno e due mesi di reclusione ciascuno, più una multa di mille euro, a Candido Speroni (marito della stilista Carla Fendi, difeso in aula dagli avvocati Giulia Bongiorno, Renato Archidiacono e Antonio Leone) e Gino Dapit, titolare della ditta che nel 2005 eseguì i lavori incriminati.
La condanna é stata inflitta per alcuni vialetti realizzati nel parco della villa necessari a collegare una serie di manufatti utilizzati per impianti tecnici. Nel mirino della procura anche una piazzola. Tra i reati contestati c'era anche la violazione dei sigilli: i due imputati, oltre a rispondere di abusivismo edilizio e violazione al vincolo paesaggistico, avrebbero violato i sigilli apposti alle opere ritenute irregolari e per questo sequestrate dall'autorità giudiziaria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA