Città e Urbanistica

Gli urbanisti alla politica: «Più risorse contro il dissesto idrogeologico»

L'anno che si è appena concluso, ha evidenziato in modo inequivocabile che le conseguenze dei cambiamenti climatici su un territorio reso drammaticamente vulnerabile dal dilagante consumo di suolo e dalla mancata o errata manutenzione, oggi costituiscono un elemento da cui non si può più prescindere. Serve quindi un'azione urgente ed efficace per la mitigazione del rischio, stabilendo strumenti e priorità d'intervento e risorse economiche adeguate, senza dimenticare le attività di informazione e formazione dei cittadini su questi temi».

È quanto si legge nella Lettera aperta sottoscritta da varie associazioni e rappresentanze della società civile, tra cui gli urbanisti dell'Inu, Legambiente e l'associazione dei Comuni. Obiettivo: sensibilizzare le forze politiche sulla necessità di affrontare seriamente il problema della prevenzione contro il rischio di dissesto idrogeologico, intervenendo su più fronti.

Leggi la lettera aperta indirizzata alle forze politiche (link )

Tre sono le priorità indicate nella lettera:
1) adoperarsi per un migliore coordinamento della normativa esistente e una identificazione chiara delle competenze e del sistema delle responsabilità, a partire dalle Autorità di distretto;

2) tornare a garantire risorse economiche adeguate e continue, per cui sarà necessario trovare appositi meccanismi finanziari e ripristinare quelli previsti in passato. Il 2010 infatti è stato l'ultimo anno che ha visto l'inserimento in Finanziaria di risorse destinate alla mitigazione del rischio idrogeologico e dal 2003 lo Stato non finanzia più la manutenzione dei bacini idrografici.

3) mettere in atto l'approccio multidisciplinare della Direttiva Quadro Acque e dalla Direttiva Alluvioni, promuovendo la partecipazione attiva di tutte le parti interessate, dando priorità non più alle opere di difesa convenzionali ma a misure che restituiscano più spazio ai fiumi e più in generale portino sia riduzione del rischio che benefici all'ambiente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA