Città e Urbanistica

Terremoto, con la convenzione Abi-Cdp 6 miliardi a famiglie e imprese

Celestina Dominelli

Operativo il plafond per ripristinare gli edifici danneggiati. Possibile richiedere i finanziamenti già da oggi

Sei miliardi di euro per la ricostruzione delle zone colpite dal terremoto del maggio scorso. Ieri Cassa Depositi e Prestiti e Abi hanno sottoscritto una convenzione ad hoc che rende operativo il plafond da 6 miliardi di euro, «Ricostruzione sisma 2012», deliberato dal board di Cassa a fine ottobre, e che replica l'analogo strumento già dedicato alla ricostruzione in Abruzzo. A dare l'annuncio è stato il direttore generale di Cdp, Matteo Del Fante, a margine di un convegno sulle infrastrutture di Ernst & Young.

«I finanziamenti saranno a favore di famiglie e imprese. Si attiva il meccanismo dell'anticipo del credito d'imposta che, de facto, diventa finanziamento agevolato». I soggetti danneggiati potranno già da oggi chiedere i finanziamenti in banca «che andranno tutti a valere sul bilancio dello Stato».

Le risorse sono infatti a totale carico delle casse statali poiché le rate (per capitale e interessi) saranno restituite dai beneficiari alle banche mediante la cessione del credito d'imposta che viene riconosciuto loro dalla legge. La provvista targata Cdp e accordata tramite il canale bancario sarà messa a disposizione di famiglie e imprese danneggiate dal terremoto per interventi di riparazione, ripristino e ricostruzione di immobili adibiti a uso residenziale e produttivo (inclusi gli impianti e i macchinari).

La spa guidata da Giovanni Gorno Tempini assicurerà la prima tranche di risorse al sistema bancario dal prossimo 10 gennaio. L'erogazione e la messa in ammortamento dei finanziamenti avverrà sulla base dello stato di avanzamento dei lavori finanziati. Le banche potranno quindi cominciare a stipulare con Cdp i contratti di finanziamento quadro e i beneficiari attiveranno i finanziamenti agevolati presso gli sportelli degli istituti aderenti. Le risorse garantite dalla convenzione sottoscritta ieri vanno ad aggiungersi, tra l'altro, ai 6 miliardi di euro del plafond «Moratoria sisma 2012» (anch'esso deliberato a fine ottobre), e ai 100 milioni di euro devoluti alle Regioni e già stanziati dal bilancio dello Stato a favore di Cdp per la concessione del contributo in conto interessi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA