Città e Urbanistica

Emilia Romagna, ecco la lista delle "imprese di qualità" per la ricostruzione

La Regione Emilia Romagna ha pubblicato l'«elenco di merito» delle imprese edili (lanciato a inizio settembre, iscrizione volontaria): il 70% hanno sede in regione, 243 su 284 possiedono l'attestazione Soa

La Regione Emilia Romagna ha pubblicato l'«elenco di merito» delle imprese edili e di costruzione, che servirà come strumento di riferimento per la ricostruzione post terremoto. L'elenco è consultabile sul sito della Regione (clicca qui) .
Delle 284 imprese che hanno richiesto l'iscrizione all'elenco di merito, quelle emiliano romagnole sono poco meno del 70% ( 195).
Sul totale, ben 243 possiedano l'attestazione SOA, 240 appartengono al settore dell'edilizia mentre 38 svolgono attività lavorative sensibili ovvero che hanno l'obbligo di iscrizione alle ‘white list' presso le Prefetture nel caso in cui svolgano lavori per la ricostruzione post sisma.
L'elenco è inviato alle Prefetture delle quattro province colpite dal sisma per le verifiche previste in merito alle certificazioni antimafia. La possibilità di riscriversi prosegue.
«La legalità è un fattore centrale per poter rilanciare lo sviluppo. Si tratta di un passo in avanti - ha sottolineato l'assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli – per premiare le imprese virtuose che hanno scelto questo strumento che assicura la trasparenza e la qualificazione soprattutto in un momento di crisi economica e in ambito delicato come la ricostruzione dopo il terremoto».
L'elenco è previsto dalla legge regionale n. 11/2010 sulla legalità e semplificazione nell'edilizia pubblica e privata e consolidato con il Protocollo legalità sul terremoto, sottoscritto il 27 giugno scorso. L'iscrizione è volontaria, non soggetta a scadenza, e consentita a tutti gli operatori dell'edilizia in possesso di uno o più codici Ateco 2007 della filiera dell'edilizia. I requisiti per iscriversi sono indicati nell'apposito modulo disponibile sul sito (clicca qui ), selezionando il link «elenco di merito».


© RIPRODUZIONE RISERVATA