Città e Urbanistica

Ok a ordinanza per pagare i danni alle imprese, domande dal 29 ottobre

Sono pronte le procedure per i contributi destinati agli interventi di riparazione, ripristino e ricostruzione per i danni provocati dal terremoto alle attività produttive in Emilia.

L'ordinanza, presentata nel pomeriggio ai sindaci delle zone terremotate, é stata emanata dal commissario delegato alla ricostruzione e presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani. Prevede contributi per la riparazione, il ripristino, il miglioramento sismico e la ricostruzione di immobili ad uso produttivo distrutti o danneggiati. Inoltre sono incluse anche risorse per la riparazione e l'acquisto di beni mobili strumentali all'attività e per la ricostituzione delle scorte distrutte o danneggiate.

Gli interventi sono volti alla ripresa e alla piena funzionalità dell'attività produttiva in tutte le componenti (fisse e mobili strumentali), al recupero a fini produttivi degli immobili e al mantenimento dei livelli occupazionali. I beneficiari sono le persone fisiche o giuridiche titolari di attività produttive (agricoltura, zootecnia, agriturismo, agromeccaniche, industria, artigianato, commercio, servizi e professioni, turismo) le cui imprese abbiamo subito danni a causa
del terremoto. L'ordinanza consente di finanziare a fondo perduto l'80% dei costi di riparazione, ripristino con miglioramento sismico e ricostruzione degli immobili, nonché degli impianti e dei macchinari delle imprese danneggiate. In presenza di copertura assicurativa, il contributo è riconosciuto sulla differenza tra i complessivi costi (sostenuti e ammissibili) e gli indennizzi assicurativi corrisposti o da corrispondersi da parte di compagnie di assicurazioni.

Le domande, informa la Regione, devono essere presentate (mediante modello e procedura informatica) dal prossimo 29 ottobre fino al 15 maggio 2013 al sindaco del Comune dove ha sede l'impresa danneggiata per i titoli edilizi e al commissario per il contributo. Sono previsti 60 giorni di tempo per concedere il finanziamento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA